Gli ostaggi israeliani rischiano la “punizione” durante otto mesi di prigionia di Hamas, dice la famiglia



CNN

La propria famiglia Gli ostaggi sono stati salvati durante un’operazione israeliana Durante il fine settimana ha affermato di aver subito abusi psicologici da parte dei suoi rapitori di Hamas durante gli otto mesi in cui è stato trattenuto a Gaza.

Andrey Kozlov, 27 anni, è stato salvato insieme a Noah Arkhamani, Almok Meir Jan e Shlomi Ziv. Attacco al campo profughi di Nusirat Sabato nel centro di Gaza. Si è trattato della terza operazione israeliana per il salvataggio di ostaggi a Gaza, celebrata in Israele. Ma ha lasciato una scia di devastazione, con almeno 274 palestinesi uccisi in un attacco da parte delle autorità di Gaza, seguito da colpi di arma da fuoco contro i militanti di Hamas.

Kozlov e gli altri erano ospitati in due edifici civili in una zona densamente popolata. Le forze di difesa israeliane (IDF) hanno affermato che i due edifici sono stati attaccati simultaneamente per paura che i rapitori avrebbero ucciso alcuni degli ostaggi se fossero venuti a conoscenza di un’operazione.

Cittadino russo, Kozlov è emigrato in Israele quasi due anni fa. Il 7 ottobre stava lavorando come guardia di sicurezza al Nova Music Festival quando è stato rapito e portato a Gaza.

In un’intervista alla CNN, la famiglia di Khoslow ha rivelato alcuni dettagli del calvario del figlio, che inizialmente credeva fosse stato inviato per ucciderlo dalle forze israeliane che lo avevano salvato.

Il padre di Kozlov, Mikhail Kozlov, ha detto che suo figlio era “molto spaventato” perché i militanti di Hamas avevano falsamente affermato per mesi che “Israele vuole ucciderli tutti” e che “sono un problema per Israele”.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

“Gli è stato detto che Israele voleva ucciderlo. Non capiva perché l’IDF fosse venuto. Aveva paura che l’IDF fosse venuto per ucciderlo. Gli ci è voluto un po’ per rendersi conto che erano venuti per salvarlo.

Michael ha detto che suo figlio non avrebbe rivelato tutti i modi in cui è stato maltrattato, aggiungendo che “non era visto da loro come un essere umano”.

“Direi che lo puniranno per qualsiasi comportamento ritengano sbagliato”, ha detto.

“Uno degli esempi che Andre ci ha dato…lo coprivano con delle coperte durante le ore più calde della giornata”, ha detto.

“È una prova davvero dura. Devi essere disidratato dal caldo.

“Non hanno cercato di andarsene”, ha detto suo fratello Dimitri [physical] Punteggi…ma lo puniranno comunque in un modo o nell’altro. Soprattutto per cose banali.

“Gli è stato detto di non parlare in ebraico, bisogna sussurrare [even that] in inglese.”

Descrivendo il loro ricongiungimento, Michael ha detto: “Il primo incontro è stato molto toccante… Ci aspettavamo un incontro vivace e un po’ di felicità, ma invece si è inginocchiato ed è scoppiato in lacrime, cosa che ci ha davvero toccato”.

Dimitri si sente in debito con suo fratello Israel. “Dice che poiché non ha fatto nulla, non capisce cosa ha fatto per questa generosità. Pertanto, si sente obbligato a trasmettere questo beneficio agli altri e ad aiutare gli altri. [hostages] fuori.”

Manuale dell’esercito israeliano/Reuters

Kozlov, 27 anni, era tra gli ostaggi salvati.

Mentre quattro ostaggi sono stati salvati, 116 persone rimangono a Gaza dopo gli attacchi del 7 ottobre, 41 delle quali si ritiene siano morte.

READ  Quando arriva la primavera? Il cambio dell'ora legale sta finendo?

Mikhail si è detto favorevole alla liberazione degli ostaggi rimasti con qualsiasi mezzo, attraverso negoziati o ulteriori azioni militari.

“Se si tratta di un accordo, se un accordo aiuta a liberarli, così sia”, ha detto. “Se un’azione del genere potesse essere intrapresa di nuovo, dovrebbe essere un’azione per liberare questi ostaggi. Dobbiamo usare ogni mezzo per restituire queste persone alle loro famiglie.

Il medico responsabile del trattamento dei quattro ostaggi israeliani salvati sabato ha detto che sono stati picchiati mentre erano tenuti prigionieri da Hamas a Gaza.

“È un’esperienza dura, dura, molti abusi, quasi ogni giorno”, ha detto il dottor Itai Pessach alla CNN. “Ogni ora, fisica, mentale e non, è qualcosa di incomprensibile.”

Bezak ha detto che gli otto mesi di prigionia “hanno lasciato un segno significativo sulla loro salute” e che, nonostante inizialmente apparissero in buone condizioni, erano tutti malnutriti. “Non hanno proteine, quindi i loro muscoli si consumano molto, quindi ci sono danni ad altri sistemi.”

Ha detto che gli ostaggi sono stati spostati più volte per occuparsi di diverse guardie. Le riserve di cibo e acqua sono instabili.

“C’erano momenti in cui non avevano quasi cibo, e c’erano altri momenti in cui stava un po’ meglio, ma nel complesso, era una combinazione di stress psicologico, malnutrizione o non ricevere abbastanza cibo o il giusto tipo di cibo, negligenza medica, essere confinati nello spazio, non vedere il sole e tutte queste altre cose hanno un impatto significativo sulla salute.

La testimonianza è l’ultima luce sulle condizioni in cui sono tenuti gli ostaggi di Hamas all’interno. Altri ostaggi hanno precedentemente descritto i loro esperimenti.

READ  Klay Thompson Warriors Contract parla di "Frozen"; Molto probabilmente se ne andrà: NBC Sports Bay Area e California

Secondo suo cugino Merav Mor Raviv, Keren Munder, sua madre e suo figlio di 9 anni – molti degli ostaggi rilasciati durante un cessate il fuoco temporaneo l’anno scorso – hanno trascorso giorni con pane pita da mangiare.

Sia Munder che sua madre hanno perso dai sei agli otto chili.

Un altro ostaggio, Adina Moshe, 72 anni, ha sopportato condizioni “terribili” mentre era prigioniera, secondo suo genero, che ha detto che non aveva accesso ai servizi di base come le docce.

Israele ha lanciato la sua guerra a Gaza in seguito agli attacchi di Hamas del 7 ottobre, in cui i militanti hanno ucciso circa 1.200 persone e preso in ostaggio più di 250. Da allora, secondo il Ministero della Salute di Gaza, la campagna israeliana ha ucciso più di 37.000 persone, scatenando una crisi umanitaria. Crescono le preoccupazioni per l’insicurezza alimentare e la carestia, con il recente avvertimento che più di un milione di persone, metà della popolazione di Gaza, “si troveranno ad affrontare la morte e la fame” entro la metà di luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *