Gli Stati Uniti affermano che Hamas propone “modifiche” al piano di cessate il fuoco a Gaza

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine, Il segretario di Stato americano Anthony Blinken è intervenuto dopo aver discusso la risposta di Hamas con il primo ministro del Qatar a Doha.

  • autore, Tom Batemann
  • azione, Corrispondente statale della BBC
  • Rapporto da Doha

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha detto ad Hamas che è “ora di smettere di negoziare” dopo che i suoi leader hanno proposto “diversi cambiamenti” al piano di cessate il fuoco e rilascio degli ostaggi a Gaza.

Parlando ai giornalisti a Doha, ha detto che alcuni cambiamenti sono “realizzabili” e altri no, ma che gli Stati Uniti e i mediatori Qatar ed Egitto “cercheranno di concludere questo accordo”.

Martedì Hamas ha dichiarato di essere pronto ad “affrontare positivamente” il processo, ma ha sottolineato la necessità che Israele accetti un cessate il fuoco permanente e un ritiro completo da Gaza.

Il governo israeliano non ha commentato, ma un funzionario anonimo ha affermato che la risposta dell’Autorità Palestinese equivale ad una smentita.

Il primo ministro israeliano deve ancora approvare pubblicamente la proposta, che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che il paese aveva offerto quando l’ha delineata 12 giorni fa.

Ma Blinken ha detto che Benjamin Netanyahu “ha riaffermato il suo impegno” durante un incontro a Gerusalemme lunedì.

In aggiunta alla pressione diplomatica esercitata da Washington, lo stesso giorno anche il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha approvato una risoluzione a sostegno della mozione.

Blinken ha incontrato il primo ministro e ministro degli Esteri del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdul Rahman Al Thani.

Il suo Paese ha svolto un ruolo chiave nella crisi, ospitando gli uffici politici di Hamas per più di un decennio e fungendo da canale per i negoziati con Israele.

Blinken si è arrabbiato quando ha detto in una conferenza stampa congiunta che stavano discutendo le modifiche richieste da Hamas alla proposta di cessate il fuoco sostenuta dagli Stati Uniti.

“C’era sul tavolo un accordo quasi identico a una proposta avanzata da Hamas il 6 maggio – tutto il mondo è dietro ad esso, un accordo accettato da Israele, e Hamas avrebbe potuto rispondere con una sola parola: ‘sì'”, ha detto. .

“Invece, Hamas ha aspettato quasi due settimane e poi ha proposto ulteriori cambiamenti, molti dei quali andavano oltre le posizioni che aveva precedentemente preso e accettato. Di conseguenza, la guerra iniziata da Hamas… continuerà, e la gente soffrirà, i palestinesi soffriranno. soffrite, e gli israeliani soffriranno.”

Blinken non ha chiarito quali cambiamenti Hamas chiedesse, né lo ha fatto una breve dichiarazione rilasciata dal gruppo martedì sera.

La dichiarazione, tuttavia, ribadisce la richiesta ad Hamas di “cessare completamente la sua aggressione contro Gaza” e di ritirare completamente le forze israeliane.

Un membro dell’ufficio politico di Hamas, Izzat al-Rishq, ha affermato che la risposta è stata “responsabile, seria e positiva” e che ha aperto un “ampio percorso” verso il raggiungimento di un accordo.

L’ufficio del primo ministro israeliano non ha rilasciato una risposta registrata.

Citato mercoledì dall’agenzia di stampa Reuters, Hamas ha affermato di aver mostrato “totale positività” negli sforzi per raggiungere un accordo, esortando Blinken a esercitare “pressione diretta” su Israele.

Blinken ha affermato che gli Stati Uniti, insieme al Qatar e all’Egitto, “cercheranno di concludere questo accordo” nonostante le battute d’arresto.

“Spero che questi divari possano essere colmati. Ma questo non significa che possano essere colmati, perché, alla fine, spetta ad Hamas decidere.”

Lo sceicco Mohammed ha detto che sia Hamas che Israele devono fare alcune concessioni.

“Negli ultimi tempi abbiamo visto un cambiamento in questo conflitto e c’è un appello chiaro e risoluto a porre fine a questa guerra”, ha osservato.

Blinken ha anche affermato che è fondamentale sviluppare rapidamente piani per una “giornata post-conflitto” a Gaza.

“Nelle prossime settimane presenteremo proposte per gli elementi chiave del ‘progetto giorno dopo’, comprese idee concrete su come gestire la governance, la sicurezza, la ricostruzione”, ha aggiunto.

didascalia dell’immagine, Martedì le forze israeliane hanno effettuato attacchi nel centro della Striscia di Gaza

L’esercito israeliano ha lanciato una campagna a Gaza per spazzare via Hamas in risposta a un attacco senza precedenti nel sud di Israele il 7 ottobre, durante il quale sono state uccise circa 1.200 persone e 251 sono state prese in ostaggio.

Da allora, secondo il ministero della Sanità locale gestito da Hamas, sono state uccise a Gaza più di 37.200 persone.

La prima prevede un cessate il fuoco iniziale di sei settimane durante il quale Hamas rilascerà alcuni ostaggi – tra cui donne, anziani e malati o feriti – in cambio del rilascio da parte di Israele di un numero imprecisato di prigionieri palestinesi. Le forze israeliane verrebbero ritirate da “tutte le aree popolate di Gaza” e ci sarebbe un “aumento” degli aiuti umanitari.

In una seconda fase, tutti gli ostaggi rimanenti verranno rilasciati e tutte le forze israeliane si ritireranno da Gaza come parte di una “cessazione permanente delle ostilità”, ma quest’ultima è ancora soggetta a ulteriori negoziati.

Durante la terza fase, i resti degli ostaggi morti verranno restituiti e avrà inizio un importante programma di ricostruzione per Gaza.

Mentre la Casa Bianca ha cercato di spingere le parti a portare avanti un accordo, la leadership israeliana rimane profondamente scettica al riguardo.

I ministri di estrema destra stanno facendo pressioni su Netanyahu affinché ignori la diplomazia di Washington. E hanno minacciato di ritirarsi dalla coalizione di governo e di innescare il collasso del piano sostenuto dagli Stati Uniti se dovesse andare avanti, a condizione che si arrenda a Hamas.

Il Primo Ministro ha senza dubbio espresso il suo sostegno al piano, che ha ammesso essere stato approvato dal suo Gabinetto di Guerra.

L’effettiva proposta israeliana – che si dice sia più lunga della sintesi fornita da Biden – non è stata resa pubblica e non è chiaro se differisca da quanto comunicato dal presidente. È stato consegnato a Hamas giorni prima del discorso di Biden.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *