I tribunali emettono ingiunzioni contro il piano di rimborso del prestito studentesco di Biden

Il futuro del nuovo programma di rimborso dei prestiti studenteschi del presidente Biden è in dubbio dopo che una coppia di giudici federali ha emesso lunedì ingiunzioni separate, impedendo la piena attuazione e il condono di ulteriori prestiti attraverso il programma mentre esaminano i casi per porre fine alla politica.

Le doppie sentenze lasciano innumerevoli domande sulla possibilità che i mutuatari possano ancora aderire al programma o annullare il prestito promesso. Milioni di americani potrebbero essere colpiti.

In Kansas, il giudice distrettuale statunitense Daniel D. Crabtree, comunemente noto come SAVE, ha impedito all’amministrazione Biden di lanciare la componente finale del prezioso programma di risparmio sull’istruzione. I mutuatari con prestiti universitari avrebbero dovuto vedere i loro pagamenti dimezzati a luglio Dal 10 per cento Per il 5% del reddito superiore al 225% della soglia di povertà federale. I mutuatari con prestiti per laureati hanno ridotto i loro pagamenti in media tra il 5% e il 10%.

Questo aspetto del piano, iniziato a ottobre, sarà sospeso mentre la causa continua.

Crabtree, nominato dal presidente Barack Obama, ha scritto che il Dipartimento dell’Istruzione non è riuscito a dimostrare chiaramente che il Congresso ha approvato il piano di rimborso creato dall’amministrazione Biden nel 2023. Ha detto che l’impatto economico del piano è in fase di valutazione da parte del Congressional Budget Office. Circa 230 miliardi di dollari nel prossimo decennio richiederanno il contributo del Congresso.

Il verdetto arriva settimane dopo Crabtree disse Otto degli 11 stati che contestano il piano di rimborso non sono riusciti a dimostrare adeguatamente come sarebbero stati colpiti dalla politica. Solo Alaska, Texas e Carolina del Sud hanno sostenuto con forza che la componente di riduzione del debito del programma potrebbe danneggiare le loro entrate fiscali, e Kansas, Idaho, Alabama, Louisiana, Montana, Utah, Nebraska e Idaho hanno respinto le argomentazioni.

READ  Qual è la più grande finale NBA? I Mavericks hanno una serie di vittorie consecutive in Gara 4

IL Una coalizione di 11 stati a guida repubblicana, guidata dal procuratore generale del Kansas Kris Kobach, sostiene nella loro causa che il presidente ha oltrepassato la sua autorità nell’elaborazione del piano di restituzione, che rispecchia il tentativo iniziale di Biden dell’anno scorso di concedere la grazia fino a 20.000 dollari. Prestiti studenteschi federali. Gli stati affermano che il nuovo piano di rimborso di Biden è un tentativo di evitare una sentenza della Corte Suprema che ha annullato il suo piano di condono del debito.

In una sentenza separata nel Missouri, il giudice distrettuale americano John A. Rose ha inoltre ordinato al Dipartimento dell’Istruzione di non condonare i prestiti attraverso il programma SAVE. La decisione è una vittoria per il procuratore generale del Missouri Andrew Bailey, che ha guidato un gruppo di sei stati che hanno intentato una causa cercando di abrogare il programma in aprile.

Bailey ha sostenuto che la Missouri Higher Education Loan Authority, un’agenzia quasi-statale che emette prestiti federali agli studenti e sovvenzioni statali, perde entrate pagando i prestiti diretti quando i prestiti vengono liquidati. Questo argomento rispecchia le affermazioni nella causa che hanno ridotto il programma di riduzione del debito di Biden e si sono rivelate sufficienti a rafforzare la causa per andare avanti con la causa e fermare un’ulteriore riduzione del debito nell’ambito del programma.

Ross, un altro nominato da Obama, si è chiesto se il Congresso prevedesse il piano di rimborso del debito del 2023 creato dall’amministrazione Biden.

Sul sito di social media X, Bailey ha definito la sentenza di Ross “una grande vittoria per la Costituzione”.

READ  Fonti - I Lakers firmano JJ Redick come allenatore con un contratto quadriennale

“Il Congresso non ha mai dato a Biden il potere di gravare i lavoratori americani con mezzo trilione di dollari di debiti altrui”, ha scritto Bailey.

La portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha detto lunedì scorso che l’amministrazione è fortemente in disaccordo con le sentenze e che il Dipartimento di Giustizia continuerà a difendere il piano di risparmio in tribunale.

“È un peccato che i funzionari eletti repubblicani e i loro alleati abbiano combattuto con le unghie e con i denti per impedire ai loro elettori di accedere a pagamenti più bassi e a una corsia preferenziale per il condono dei prestiti – e i tribunali stanno ora rifiutando l’autorità che il dipartimento ha ripetutamente richiesto nel corso dei decenni per migliorare i programmi di rimborso orientati al reddito”, ha affermato lunedì Jean-Pierre in una nota.

Il piano di risparmio offre a milioni di mutuatari pagamenti mensili inferiori e un percorso più rapido per la cancellazione. Ha già spazzato via i saldi di 414.000 iscritti che originariamente avevano preso in prestito meno di 12.000 dollari e avevano effettuato pagamenti per almeno 10 anni. Sono oltre 8 milioni le persone iscritte al piano di rimborso, che lega i pagamenti mensili al reddito e alle dimensioni della famiglia.

Questo schema è una versione modificata dello schema di rimborso esistente che è uno schema di pagamento in base al guadagno o di rimborso rivisto. Tutti i piani orientati al reddito promettono di condonare il saldo del mutuatario dopo 20 o 25 anni di pagamenti, ma il piano di risparmio accorcia i tempi per le persone che hanno preso piccoli prestiti.

“Oggi due diverse fazioni di procuratori generali di destra hanno ottenuto esattamente quello che si aspettavano dai giudici federali del Kansas e del Missouri: una ricetta per il caos in tutto il sistema dei prestiti studenteschi”, ha detto Mike Pierce, direttore esecutivo dello Student Borrower Protection Center. Un gruppo di avvocati. “Milioni di mutuatari sono ora confusi mentre lottano per comprendere i loro diritti ai sensi della legge e il significato delle informazioni fornite dal governo e dai loro istituti di prestito studentesco.”

READ  Il nuovo SUV fuoristrada avrà un motore ibrido

Il salvataggio Il programma è stato sviluppato utilizzando Autorità Dalla legge sull’istruzione superiore del 1993, che ha creato programmi di rimborso basati sul reddito. Stati nel caso del Kansas hanno sostenuto La legge non consente l’agevolazione del prestito a nessuno, tranne a coloro che sono permanentemente disabili, sono stati derubati dell’università, sono nel servizio pubblico o sono in bancarotta. Dicono che la componente di condono del prestito SAVE riduce i saldi dei prestiti studenteschi riducendo il loro reddito.

Gli avvocati dell’amministrazione Biden affermano che l’argomentazione è troppo speculativa per avere valore. Il Dipartimento dell’Istruzione ha indicato che Save è la quarta volta che utilizza la sua autorità del 1993 per espandere le opzioni basate sul reddito, dando al programma una solida base legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *