Netanyahu afferma che Israele metterà fine alle sue operazioni a Gaza. Ma avverte che la guerra in Libano potrebbe essere la prossima

GERUSALEMME (AP) – Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu Domenica ha detto che l’attuale fase di lotta contro Hamas Il blocco di Gaza pone le basi affinché Israele invii più truppe al confine settentrionale per contrastare il gruppo militante libanese Hezbollah.

I commenti minacciavano di inasprire ulteriormente le tensioni tra Israele e Hezbollah. Netanyahu ha anche sottolineato che non c’è fine alla guerra a Gaza.

Il leader israeliano ha detto in una lunga intervista televisiva che l’esercito è vicino a porre fine alla sua offensiva di terra in corso nella città di Rafah, nel sud di Gaza. La guerra contro Hamas è finita. Ma ha detto che a Gaza sono necessarie meno truppe, liberando così le forze per combattere Hezbollah.

“Avremo l’opportunità di spostare alcune delle nostre forze a nord, e lo faremo”, ha detto al canale israeliano Channel 14, un canale televisivo pro-Netanyahu, in un’intervista che è stata spesso interrotta dagli applausi del pubblico in studio. “Prima di tutto per la sicurezza”, ha aggiunto, consentendo però a decine di migliaia di sfollati israeliani di tornare a casa.

Hezbollah, sostenuto dall’Iran, ha iniziato ad attaccare Israele dopo l’attacco transfrontaliero di Hamas del 7 ottobre che ha scatenato la guerra di Gaza. Da allora Israele e Hezbollah si sono scontrati a fuoco quasi ogni giorno, ma nelle ultime settimane i combattimenti si sono intensificati, facendo temere una guerra totale.

Hezbollah è molto più forte di Hamas, e l’apertura di un nuovo fronte aumenterebbe il rischio di una grande guerra regionale che coinvolga altri rappresentanti iraniani e forse anche lo stesso Iran.

La scorsa settimana l’inviato della Casa Bianca Amos Hochstein ha incontrato funzionari in Israele e Libano per cercare di allentare le tensioni. Ma la lotta è continuata.

READ  Elenco dei vincitori degli Annie Awards 2024

Netanyahu ha detto di sperare che si possa trovare una soluzione diplomatica alla crisi, ma ha promesso di risolvere la questione “in un altro modo” se necessario. “Possiamo combattere su molti fronti e siamo pronti a farlo”, ha detto.

Ha detto che qualsiasi accordo non sarebbe “un accordo sulla carta”. Ha detto che Hezbollah dovrebbe stare lontano dal confine, da un meccanismo di controllo e che gli israeliani dovrebbero tornare alle loro case. Decine di migliaia di persone sono state evacuate e non hanno potuto tornare a casa poco dopo lo scoppio dei combattimenti.

Hezbollah ha detto che continuerà a combattere Israele finché non verrà raggiunto un cessate il fuoco a Gaza. Il leader del gruppo, Hassan Nasrallah, la scorsa settimana ha messo in guardia Israele dal lanciare una guerra che sostiene sia Hezbollah. Dotato di nuove armi e capacità di intelligence Ciò aiuterebbe a prendere di mira le posizioni critiche nel profondo di Israele.

Hezbollah ha già lanciato nuove armi durante i combattimenti a basso livello, rendendo difficile la difesa dai droni che attaccano con poco preavviso. Domenica un soldato israeliano è rimasto gravemente ferito in un attacco di droni.

Ma Israele afferma di aver mostrato a Hezbollah solo una frazione del suo pieno potenziale e che, se scoppiasse la guerra, il Libano diventerà una seconda Gaza. L’esercito israeliano ha dichiarato la settimana scorsa di aver “approvato e verificato” un nuovo piano per attaccare il Libano.

Netanyahu ha detto nell’intervista che l’offensiva israeliana a Gaza sta per finire. L’esercito israeliano è attivo nella zona del confine meridionale Rafa Dall’inizio di maggio. Dice di aver inflitto gravi danni a Hamas a Rafah, identificata come l’ultima roccaforte rimasta di Hamas dopo quasi nove mesi di brutali combattimenti. Ma ha detto che Israele dovrebbe continuare a “ridurre” le operazioni – attacchi mirati volti a impedire il riorganizzazione di Hamas.

READ  Pubblicato il programma NFL 2024: tutto ciò che devi sapere sul programma di questa stagione

Israele ha lanciato un’offensiva aerea e terrestre su Gaza dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre, che ha ucciso circa 1.200 persone e ha preso 250 ostaggi.

L’offensiva israeliana ha ucciso 37.000 palestinesi, scatenato una crisi umanitaria e alimentato crimini di guerra e genocidi. casi Nelle più alte corti del mondo all’Aia.

Ciò ha causato tensioni con gli Stati Uniti e il Presidente Joe Biden E Netanyahu si è scontrato pubblicamente durante la guerra. Domenica scorsa, Netanyahu ha ripetuto i suoi commenti dichiarazione C’è stato un “drammatico calo” nelle esportazioni di armi dal più stretto alleato di Israele, gli Stati Uniti, ostacolando lo sforzo bellico.

Biden ha ritardato la consegna Alcune bombe pesanti Preoccupazioni per ulteriori vittime civili da maggio, ma la settimana scorsa la sua amministrazione ha reagito alle accuse di Netanyahu secondo cui sarebbero state colpite anche altre esportazioni.

Mentre gli Stati Uniti e altri mediatori hanno offerto un piano di cessate il fuoco, Netanyahu ha rifiutato l’idea che la guerra non finirà finché Israele non rilascerà tutti gli ostaggi detenuti da Hamas e non distruggerà le capacità militari e di governo di Hamas.

Netanyahu ha affermato che l’attuale fase della guerra “sta per finire”. “Ciò non significa che la guerra finirà.”

Netanyahu ha parlato mentre il suo ministro della Difesa Yoav Gallant era a Washington per colloqui con funzionari statunitensi sulla guerra e sulle tensioni con il Libano. Il mese prossimo, Netanyahu sarà invitato a parlare al Congresso, che già divide Washington su linee partigiane. Alcuni democratici, irritati dal litigio pubblico di Netanyahu con Biden, dicono Non parteciperanno.

I funzionari statunitensi stanno anche esercitando pressioni su Netanyahu affinché delinei un chiaro piano postbellico per Gaza. Gli Stati Uniti hanno detto che non accetteranno un’occupazione a lungo termine da parte di Israele.

READ  Live streaming di Final Four March Madness: come guardare UConn vs Alabama stasera

Netanyahu ha espresso una visione molto diversa. Ha detto che l’unico modo per garantire la sicurezza di Israele è mantenere il controllo militare lungo i confini di Israele.

“Non c’è nessun altro”, ha detto. Ma ha detto che stava cercando un modo per creare una “amministrazione civile” palestinese per gestire gli affari quotidiani a Gaza, sostenuta dagli stati arabi moderati. Ha rifiutato qualsiasi ruolo per l’Autorità Palestinese riconosciuta a livello internazionale, che è stata cacciata da Gaza da Hamas in una violenta presa di potere nel 2007.

Netanyahu ha detto di aver visto l’esercito israeliano lavorare con importanti famiglie palestinesi a Gaza diversi mesi prima, ma che Hamas li aveva “sterminati” immediatamente. Ha detto che Israele ora sta valutando altre opzioni.

Netanyahu ha escluso un’opzione favorita da alcuni dei suoi partner di governo ultranazionalisti – reinsediare gli israeliani a Gaza. Israele si è ritirato da Gaza nel 2005, ponendo fine a una presenza durata 38 anni.

“La soluzione del problema non è realistica”, ha detto. “Sono realista.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *