Netflix fa causa alla serie “Baby Reindeer” sostenendo che Stalker era la base del personaggio

LOS ANGELES (CNS) — Una donna che afferma di aver ispirato il personaggio stalker al centro della serie Netflix “Baby Reindeer” ha citato in giudizio la società di streaming giovedì a Los Angeles per negligenza e diffamazione.

Nel caso, Fiona Harvey, residente a Londra, afferma di essere stata identificata come la persona dietro il personaggio ossessivo e stalker della serie, Martha, pochi giorni dopo che Netflix ha pubblicato lo spettacolo ad aprile. Da allora, sostiene di aver sofferto di stress emotivo, incubi, umiliazioni e depressione, secondo una causa intentata presso il tribunale federale di Los Angeles.

Il video nel player sopra è un live streaming ABC 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Harvey, 58 anni, chiede più di 170 milioni di dollari di risarcimento danni, accusando Netflix e il creatore dello show Richard Cott – che non è un imputato nel caso – di rendere più facile per gli spettatori identificarsi con lui.

“Le bugie degli imputati su Harvey a più di 50 milioni di persone in tutto il mondo includono che Harvey è stato due volte stalker condannato a cinque anni di prigione e che Harvey ha aggredito sessualmente Dio”, afferma la denuncia di 34 pagine. “Gli imputati hanno raccontato queste bugie e non hanno mai smesso perché era una storia migliore della verità, e le storie migliori facevano soldi”.

Netflix e Gadd, con sede a Los Angeles, “hanno distrutto la sua reputazione, il suo carattere, la sua vita”, sostiene Harvey.

I funzionari di Netflix hanno rilasciato una breve dichiarazione in risposta alla causa: “Vogliamo difendere vigorosamente questa questione e sostenere il diritto di Richard Cott di raccontare la sua storia”.

READ  Fonti - I giocatori dei Coyotes dicono che la squadra si trasferirà nello Utah

“Baby Reindeer” è una serie di sette episodi che racconta la “storia vera” di Tony, un cabarettista scozzese interpretato da Dio che trasforma la sua vita attorno a Martha (interpretata da Jessica Gunning), dice la causa.

Harvey ha affermato di aver incontrato la foresta ma ha negato molti degli eventi descritti in “Baby Reindeer”.

Copyright © 2024 City News Service, Inc. Tutti i diritti riservati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *