Premio di Wimbledon dopo la sconfitta in doppio di Andy Murray

WIMBLEDON, Inghilterra – È stata una lunga giornata per gli inglesi, considerando che le loro due migliori giocatrici e i loro migliori due giocatori maschili si sono affrontate a Wimbledon giovedì scorso. Un’elezione suppletiva che metterà fine a 14 anni di governo conservatore.

Si lasciarono tutto alle spalle ed entrarono comunque nel campo centrale, indossando coperte e sciarpe color Wimbledon che coprivano il collo nudo mentre il sole cominciava a tramontare. Dopo le 19 si sono alzati e hanno alzato i telefoni, e quando è entrato in campo, quelli con le mani libere hanno iniziato il primo applauso, tutti uniti nel desiderio di celebrare Andy Murray ancora una volta.

“Avanti, Andy!” Un tifoso ha gridato quel suono familiare prima che l’arbitro lanciasse la moneta.

Le grida di giovani e anziani sono continuate per tutta la notte, spingendo Murray e il fratello maggiore Jamie, il simbolo della perdita del bambino, a causa degli australiani John Pearce e Ringi Hijikata.

Murray, due volte campione di Wimbledon che ha rivoluzionato il tennis britannico e ha creato un’eredità come uno dei membri più affabili e appassionati della recente età dell’oro del tennis maschile, gioca ancora a tennis all’All England Club. Farà coppia con la connazionale Emma Raduganu nel sorteggio del doppio misto.

Ma è stata la sconfitta per 7-6 (8-6) 6-4 di giovedì a dare ufficialmente l’addio al suo torneo, in cui la 37enne continua a lottare con problemi di mobilità dopo l’intervento chirurgico del 22 giugno per rimuovere una ciste. dalla sua schiena. La procedura è l’ultima di una maratona di infortuni e recupero che ha visto Murray sottoporsi al primo di due importanti interventi chirurgici all’anca dal 2018. È tornato nel 2019 da un secondo, improbabile, con una vita di metallo, vincendo solo un titolo, ma ricordando ai fan la volontà del suo campione e la passione incessante in ogni partita estenuante.

READ  Eclissi 2024: la tua guida dell'area DC all'evento solare

La partita di giovedì in sé sembrava fuori luogo, a parte quello che ha dato a sua madre, Judy; suo padre, Will; Lascia la moglie Kim; E i loro due figli più grandi hanno avuto la possibilità di vederlo giocare per la prima volta in doppio in uno Slam con suo fratello maggiore.

“Le nostre parole non gli rendono giustizia, quanto fosse bravo”, ha detto Pierce in un discorso passivo dei vincitori prima di lasciare il microfono in modo che la serata di tributi potesse iniziare.

L’ex giocatrice della BBC e leggendaria presentatrice televisiva Sue Barker è tornata brevemente dal ritiro per gestire un’intervista in campo mentre le grida di “Suuuuuue” piovevano mentre il tennis britannico festeggiava a pieno ritmo. Ha iniziato a sentire parlare di Murray che ha perso la sua prima finale di Wimbledon contro Roger Federer nel 2012. Ha dato a Scott l’opportunità di ricordare al mondo del tennis ciò che potrebbe mancare per sua natura: parti uguali secche, aspre e profondamente sincere.

“Non direi che ho una personalità molto estroversa o frizzante”, ha detto Murray della perdita. “Ma penso che la gente abbia visto quanto tenevo al gioco, forse per la prima volta.”

Nello stesso anno vinse gli US Open per il primo dei tre titoli del Grande Slam, poi sconfisse Novak Djokovic in due set diventando il primo giocatore britannico a vincere il titolo di singolo di Wimbledon in 77 anni. Il suo secondo titolo a Wimbledon è arrivato nel 2016.

Murray ha ricordato giovedì davanti a una formazione impressionante. John McEnroe, Martina Navratilova, Conchita Martinez, Ika Sviatek, Djokovic e l’attuale numero 1 britannico Jack Draper hanno partecipato alla cerimonia in campo, e Federer, Rafael Nadal e Djokovic si sono alternati nel rivolgersi a Murray. Una retrospettiva video La sua carriera. Venus Williams faceva parte del video, partecipando come amica e collega campionessa per l’uguaglianza di genere nel tennis. Murray è il raro giocatore maschio che è stato una voce frequente per il tennis femminile nel corso della sua carriera. Modifica dei giornalisti Era ignaro dei risultati delle atlete.

READ  Le truppe israeliane sono nel centro di Rafah, conferma l'IDF

Ha detto che spera che i fan lo ricordino per la dedizione che ha mostrato.

“Una cosa positiva che ho fatto nella mia carriera è che non importano gli alti e bassi — che si tratti di vittorie, sconfitte pesanti, interventi chirurgici, battute d’arresto — … sono sempre arrivato a lavorare con la stessa dedizione, etica del lavoro e determinazione che avevo il giorno prima appassionatamente”, ha detto Murray. “…Certamente non sempre riesco a capire bene. Nei giorni delle partite non ero affatto perfetto, ma andavo sempre al lavoro e passavo una bella giornata. Ho fatto del mio meglio.

Dopo tutto lo sfarzo e le circostanze, Murray ammette quanto possa essere difficile anche il doppio. I suoi problemi di movimento erano evidenti, a volte sussultava il pubblico quando si fermava bruscamente dopo un tiro e non riusciva a servire nemmeno lontanamente vicino alla sua velocità.

Ha ribadito che non si è ritirato perché il suo amore per il tennis era svanito. Il suo corpo ha dettato la fine della sua vita, come è successo a molti suoi coetanei. Murray ha detto che era pacificato. Ha intenzione di andare in vacanza con la famiglia, giocare alle Olimpiadi di Parigi e poi andare in pensione.

“È qualcosa che è fuori dal mio controllo, sì, penso. Se so che il mio corpo può farlo, giocherò – non c’è niente nello sport che odio… Non voglio più farlo per questo motivo. Mi piace viaggiare. Mi piace la competizione, mi alleno, cercando di migliorare,” ha detto Murray. “So che ora è il momento. Sono pronto.

Dopo il tributo, Murray è uscito dal campo centrale, fermandosi ad abbracciare ogni ex giocatore che ha visto, poi ha attraversato il campo finché non è emerso su una passerella sopra il campo. Il pubblico si è reso conto che avrebbe potuto rivedere il campione del proprio paese ed è corso a salutarlo.

READ  Il fallo "sporco" di Joel Embiid su Mitchell Robinson è il punto di svolta in Gara 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *