Charles Barkley si ritirerà dalle trasmissioni NBA dopo la prossima stagione

Mentre la Warner Bros. Discovery continua a negoziare i diritti dei media con la NBA, il commentatore di TNT Charles Barkley ha annunciato venerdì che intende ritirarsi dalle trasmissioni televisive nel 2025.

Barkley, 61 anni, attaccante della Hall of Fame e conduttore ampiamente rispettato, è stato un appuntamento fisso per TNT da quando si è ritirato dalla NBA nel 2000. e i commentatori Shaquille O’Neal e Kenny Smith nel popolare e influente programma “Inside the NBA”.

L’NBA è in trattative con Disney, Warner Bros. Discovery, Amazon e NBC per il prossimo accordo sui diritti mediatici, che inizierà dopo la stagione 2024-25. Il commissario NBA Adam Silver ha detto che i colloqui sono in corso questo mese, ma diversi rapporti hanno indicato che la società madre di TNT, Warner Bros., potrebbe perdere i diritti NBA su Discovery per la prima volta dal 1988.

“C’è stato molto rumore sulla nostra rete negli ultimi mesi”, ha detto Barkley. “Voglio dire: ho parlato con tutte le altre reti, ma non sono andato da nessuna parte tranne TNT. Ma ho preso una decisione per me stesso: qualunque cosa accada, l’anno prossimo sarà il mio ultimo anno in televisione. Voglio ringraziare il mio Famiglia NBA, sei stato buono con me, il mio cuore è pieno di gioia e gratitudine, ma alla fine dell’anno sarò con NBA TNT, ma per me personalmente, voglio che tu ascolti da me.

Barkley, che da anni lascia intendere un possibile ritiro, ha fatto l’annuncio nel programma televisivo post partita della NBA dopo la vittoria per 122-84 dei Dallas Mavericks sui Boston Celtics in Gara 4 delle finali NBA.

READ  Chiefs, il mondo della NFL sconcertato dalla decisione dei 49ers sugli straordinari del Super Bowl 58 – NBC Sports Bay Area e California

“Non faccio più interviste”, ha detto. “Non chiamarmi. Non ne parlerò più. Volevo dire alla mia famiglia di TNT e NBA TV che non andrò su un’altra rete. Passerò il testimone a Jamal Crawford, Vince Carter o Steve [Smith].”

Gioco TNT detto in un comunicato Saturday Barkley “è e sarà sempre un amato membro della famiglia TNT Sports” e il network “non vede l’ora di vivere un’altra fantastica stagione ‘NBA’ su TNT e di discutere ulteriormente con lui dei nostri piani futuri”.

Barkley ha firmato un’estensione del contratto con TNT fino al 2022, che secondo quanto riferito gli ha dato la possibilità di lasciare la rete se non avesse potuto rinnovare il contratto sui diritti mediatici con l’NBA. Mentre le negoziazioni sui diritti dei media si trascinavano da mesi, Barkley ha ripetutamente criticato la leadership di TNT e ha espresso il suo sostegno allo staff di base della rete.

“Voglio dirlo perché voi siete la mia famiglia”, ha detto Barkley. “Adoro TNT, tutte le persone che lavorano qui e NBA TV. Sei stato meraviglioso con me per 24 anni. Voglio ringraziare tutta la mia famiglia NBA. Vi amo ragazzi.

Johnson, 67 anni, entrato a far parte di Turner Sports nel 1989, ha dichiarato il mese scorso che non lascerebbe TNT anche se la rete perdesse i diritti NBA.

Silver ha dichiarato il 6 giugno che le trattative sui diritti dei media sono “incredibilmente complesse” e che lo staff della lega sta “lavorando 24 ore su 24” per finalizzare nuovi contratti.

“È complicato per una serie di ragioni”, ha detto Silver. “Uno è l’arrivo di nuove piattaforme, in particolare lo streaming e l’interesse da parte delle società di streaming, e poi anche le società di media tradizionali stanno portando i nostri giochi sulle piattaforme di streaming. È complicato perché molti partner cercano tutti le stesse proprietà. In molti casi, trovare il modo giusto per bilanciare quelle partite quando si vanno a partner diversi. Infine, tendiamo a fare accordi a lungo termine. Pensiamo che sia positivo per la stabilità del campionato, ma in una certa misura significa che stai cercando di prevedere il futuro , il che ovviamente è impossibile.

READ  SpaceX lancia 23 satelliti Starlink, atterraggio del 300esimo razzo di Ace (foto)

Il commissario ha aggiunto che “Inside the NBA” ha un ruolo “speciale” nella comunità della lega e che gode di uno “stretto rapporto con tutti nello show”.

“Da un lato, dal punto di vista del campionato, è meraviglioso essere ricercati e desiderati e avere così tanti corteggiatori”, ha detto Silver. “Allo stesso tempo, mi mette a disagio il fatto che sia a somma zero, alla fine ci sono solo così tanti pacchetti TV, così tante finali e partite di playoff e vengono distribuite solo partite della stagione regolare.

“Alle persone che sembrano essere più colpite in questo momento, vorrei dire direttamente alle persone di Turner Sports, mi scuso per il fatto che questo è stato un processo lungo perché so che sono impegnati nel loro lavoro. Conosco persone che lavorano in questo È una parte importante della loro identità e dell’identità della loro famiglia, e a nessuno piace questa incertezza e penso che spetti all’ufficio della lega portare a termine queste trattative e concluderle il più rapidamente possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *