Gli Oilers battono i Panthers forzando Gara 7 delle finali della Stanley Cup

EDMONTON, Alberta – Connor McDavid è stato tenuto a zero, quindi Leon Dryside e il resto dei migliori giocatori degli Edmonton Oilers si sono fatti avanti per ottenere una vittoria lontano dalla Stanley Cup.

Draisaitl ha avuto il suo primo grande impatto nelle finali preparando il gol iniziale di Warren Fogle, Adam Henrique e Zach Hyman hanno segnato nel secondo periodo e gli Oilers hanno battuto i Florida Panthers 5-1 in Gara 6 venerdì sera forzando una Gara 7.

“Alla fine, giochiamo per vincere e sarà una partita difficile per noi”, ha detto Dryside. “Dobbiamo riportare in auge il nostro gioco”.

Sono diventati solo la terza squadra dai Detroit Red Wings nel 1945 a pareggiare la finale dopo essere stati sotto 3-0. Gli Oilers hanno la possibilità di unirsi ai Toronto Maple Leafs del 1942 lunedì sera a Sunrise, in Florida. Le uniche squadre della NHL a recuperare da quel deficit per issare la Stanley Cup.

“C’era una convinzione incrollabile”, ha detto Hyman. “Abbiamo sempre creduto che qualunque cosa accada durante l’anno, possiamo superarla. Non importa quanto sia difficile la situazione, pensiamo di avere una possibilità. È stata una crisi a lungo termine che ci ha preparato. La prossima sarà molto difficile farlo davanti a questo pubblico è incredibile, ora abbiamo la prima possibilità di vincere.

Dopo essere caduti in una serie di 3-0, gli Oilers si sono ripresi segnando cinque o più gol in tre partite consecutive, la serie più lunga nelle finali della Stanley Cup da quando i Pittsburgh Penguins lo fecero nel 1991, secondo ESPN Stats and Information Research.

Un’occasione per scrivere la storia dell’hockey e porre fine a tre decenni di siccità in Coppa del Canada è arrivata solo dopo che i quattro punti di McDavid nei Giochi 4 e 5 hanno portato gli Oilers dal baratro alla speranza. Era la prima volta nei suoi nove anni di carriera che vinceva una partita senza segnare un punto o un tiro.

Draisaitl, MVP della lega e ampiamente considerato uno dei migliori giocatori al mondo, ha acceso una scintilla in Gara 5 poiché il suo partner di lunga data è stato in gran parte inefficace contro i Panthers.

“È un cavallo”, ha detto il difensore Darnell Nurse. “Si presenta sempre nei momenti importanti. Guardi tutte le sue esibizioni nei playoff, è uno dei migliori che ci sia mai riuscito”.

Draisaitl ha preso il disco al centro del ghiaccio, ha pattinato intorno e attraverso i difensori della Florida e ha messo il disco sul bastone di Foegele per un tap-in che Sergei Bobrovsky non aveva alcuna possibilità di fermare. Ha attirato un pubblico tutto esaurito di oltre 18.000 persone al canto “Cher-gai! Cher-gai!” Ciò non gli ha impedito di cantare scherzosamente.

READ  Gli ostaggi israeliani rischiano la "punizione" durante otto mesi di prigionia di Hamas, dice la famiglia

Il portiere che tutti chiamano “Bob” non può essere incolpato, però, dato che ha commesso falli davanti a sé e ha contribuito a un 2 contro 1 che ha battuto Henrik Bobrovsky in un 2 contro 1 sul passaggio perfetto di Matias. . Janmark. I Panthers sembravano tesi e spaventosi davanti al loro portiere e, a differenza del colosso che raggiunse la finale per il secondo anno consecutivo, vinsero le prime tre partite e si portarono sull’orlo del primo titolo nella storia della franchigia.

“Abbiamo una partita”, ha detto il difensore dei Panthers Dmitry Kulikov. “Eravamo pronti fin dall’inizio per giocare una serie di sette partite e ora non è cambiato nulla. Noi ne abbiamo guadagnati tre e loro hanno giocato tre belle partite. Adesso tocca a noi vincere in casa”.

Florida ha effettuato solo 6 tiri a metà partita e ha concluso con 21. Quando gli Oilers ne avevano più bisogno, il portiere Stuart Skinner ha effettuato una parata tempestiva per soffocare i Panthers, con Alexander Barkov che ha segnato un solo gol. 90 secondi dell’inizio del terzo periodo.

“Si illumina quando abbiamo bisogno di lui”, ha detto Janmark di Skinner.

L’allenatore di Edmonton Chris Knoblach ha segnato un gol fuori dal tabellone 10 secondi dopo che Henrik ha segnato. Sfidato con successo Per fuorigioco. In una lunga recensione, Sam Reinhart ha scoperto di essere arrivato a un passo o meno da uno strike, il cui annuncio è stato seguito da un ruggito dei tifosi.

“Non penso che sia così vicino”, ha detto Knoblauch. “Nella mia mente, è decisamente fuorigioco.”

Non era così rumoroso come Rogers Place, e c’erano molti candidati per quella distinzione. Il misuratore di decibel visualizzato sugli schermi video ha raggiunto 113,8 mentre gli Oilers mettevano piede sul ghiaccio al ritmo di “Enter Sandman” dei Metallica.

READ  È morta Sheila Jackson Lee, deputata democratica di Houston

Nei minuti finali Ryan McLeod e Nurse hanno gridato “Vogliamo la coppa!” Potrebbe essersi avvicinato a quel suono quando venivano sollevati i canti. “Vogliamo il trofeo!” E una celebrazione sfrenata alla festa di osservazione all’aperto.

Era il tono febbrile di una città inondata in un mare di centro blu e arancione poche ore prima della caduta del disco. Venerdì avrebbe potuto anche essere una vacanza a Edmonton, che ospita quasi un milione di persone, e gli Oilers sono in grado di sognare di issare un altro stendardo bianco del campionato sulle travi – e di farlo in un modo improbabile.

“Siamo entusiasti di continuare la nostra stagione”, ha detto McDavid. “Questo è tutto. Una partita alla volta, un giorno alla volta. Non vedo l’ora che arrivi la prossima partita.”

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *