I manifestanti spagnoli contro il turismo prendono di mira i visitatori di Barcellona con idranti

Migliaia di manifestanti hanno marciato per Barcellona durante il fine settimana per esprimere rabbia nei confronti del turismo di massa e dei suoi effetti sulla città più visitata della Spagna. I visitatori che cenavano nei ristoranti del famoso quartiere La Barceloneta erano inzuppati mentre alcuni manifestanti li spruzzavano con idranti.

Il video mostra i commensali costretti a spostare i tavoli nei ristoranti per sfuggire alle proteste di sabato, mentre altri ristoranti sono stati filmati dai manifestanti.

Portando cartelli con la scritta “I turisti tornano a casa” e chiedendo una riduzione del numero di visitatori stranieri a Barcellona, ​​i manifestanti si sono fermati davanti ad alberghi e ristoranti per confrontarsi con i turisti.

Manifestanti di massa contro il turismo hanno gettato acqua sui commensali durante una marcia a Barcellona per protestare contro l’impatto del turismo eccessivo.

Reuters


“Non ho nulla contro il turismo, ma qui a Barcellona soffriamo di un turismo eccessivo, che ha reso la nostra città invivibile”, ha detto uno dei manifestanti all’agenzia di stampa francese AFP.

Funzionari locali affermano che il costo degli alloggi nella città spagnola è aumentato del 68% negli ultimi dieci anni, rendendola uno dei principali punti di contesa tra i residenti scontenti.

“Negli ultimi anni, la città è diventata completamente per i turisti, e quello che vogliamo è una città per i cittadini e non al servizio dei turisti”, ha detto un altro manifestante alla telecamera della Reuters.

A giugno, il sindaco di Barcellona Jaime Colboni ha dichiarato che entro il 2028 avrebbe smesso di rinnovare migliaia di licenze turistiche che consentono ai proprietari di affittare alloggi a visitatori stranieri. Collboni ha affermato che la mossa renderebbe disponibili alla gente del posto le case attualmente pubblicizzate su siti come Airbnb.

Durante la protesta è stato visto un cartello contro il turismo. Più di 3.000 persone hanno manifestato a Barcellona contro le folle di turisti che hanno afflitto la città e a sostegno delle politiche di riduzione del turismo. La manifestazione prevedeva la chiusura simbolica di alberghi, bar e ristoranti mentre marciava verso la Barceloneta, uno dei quartieri più colpiti dalla presenza turistica.

Paco Freire/SOPA Images/LightRocket tramite Getty Images


Secondo le autorità locali, solo lo scorso anno più di 12 milioni di turisti hanno visitato la città.

L’ultima protesta arriva dopo manifestazioni simili su larga scala in altre zone turistiche della Spagna. Una manifestazione a Malaga, nel sud del paese, ha riunito circa 15.000 persone contro il turismo eccessivo a giugno, mentre l’isola di Palma di Maiorca ha visto più di 10.000 persone marciare contro l’impatto del turismo di massa a maggio.

Secondo l’INE, l’ufficio nazionale di statistica spagnolo, solo nei primi cinque mesi del 2024 più di 33 milioni di turisti hanno visitato il Paese, con un aumento del 13,6% rispetto all’anno precedente.

La Spagna non è l’unico paese europeo a dover affrontare l’impatto del turismo sulle popolazioni locali. All’inizio di quest’anno, Venezia, Italia È diventata la prima città ad essere accusata sui visitatori giornalieri.

READ  Elenco dei vincitori degli Annie Awards 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *