Secondo la NASA, il ritorno dello shuttle Boeing Starliner subirà un ritardo al 26 giugno

La NASA ha detto martedì che lo Space Shuttle Starliner della Boeing avrà un po’ di tempo extra nello spazio dopo essere stato attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale per circa una settimana mentre i funzionari riparano le perdite di elio e indagano sul motivo per cui alcuni propulsori si sono guastati durante un volo di prova.

La capsula è ora programmata per tornare sulla Terra con una coppia di astronauti della NASA, Suni Williams e Barry “Butch” Willmore, e atterrare nel deserto del New Mexico alle 4:51 ET del 26 giugno, segnando una missione di 20 giorni. . La tratta di ritorno, che prevede un infuocato tuffo nell’atmosfera, è una parte importante del volo di prova, che può far sì che lo scudo termico della navicella raggiunga temperature di 3.000 gradi Fahrenheit.

Anche le autorità indagheranno Il sistema di paracadute, che Boeing ha dovuto riprogettare dopo un precedente volo di prova senza nessuno a bordo, sarebbe stato l’atto finale del primo volo con equipaggio dello Starliner, garantendo un atterraggio sicuro.

Dopo i ritardi causati da una valvola difettosa nel razzo e da una perdita di elio nella navicella, Starliner fu lanciato da Cape Canaveral, in Florida, il 5 giugno e raggiunse la stazione il giorno dopo. Mentre lo Starliner si avvicinava alla stazione, cinque dei suoi propulsori, apportando piccole modifiche alla sua traiettoria, andarono offline, costringendo Boeing a ritirare il veicolo dalla stazione e risolvere il problema.

La NASA e la Boeing sono riuscite a riportare online quattro dei cinque e ad attraccarli con successo.

Le squadre hanno testato i propulsori sabato mentre la navicella spaziale era attaccata alla stazione, e hanno funzionato tutti bene, ha detto la NASA. Non hanno provato a testare un propulsore che non è tornato in linea durante il volo, e non proveranno a usarlo durante il volo di ritorno dello Starliner “per estrema cautela”, Steve Stich, responsabile del programma del gruppo commerciale della NASA , ha detto durante un briefing martedì.

READ  I futures sulle azioni americane crollano

Oltre ai problemi ai propulsori, lo Starliner ha riscontrato persistenti perdite di elio nel suo sistema di propulsione. La NASA e la Boeing ne hanno scoperto uno nuovo, il quinto, proveniente dalla stazione Starliner. Quella perdita Piccolo e non costituirà un problema per il ritorno, ha detto la NASA. L’elio viene utilizzato per pressurizzare i propellenti attraverso il sistema di propulsione.

essere preso

Storie che ti informano

La NASA inizialmente aveva detto che lo Starliner sarebbe arrivato a casa il 18 giugno, ma in seguito ha rinviato l’atterraggio al 22 giugno. Il modulo di servizio della navicella contiene perdite di elio, che vengono utilizzate per alimentare la capsula durante il volo. Prima che la capsula rientri nell’atmosfera terrestre, il modulo di servizio viene rimosso e bruciato. Ciò significa che gli ingegneri non potranno leggerlo fino a dopo il volo, e questo è uno dei motivi per cui hanno affermato che ora ci vuole più tempo per comprendere i problemi.

“Ci stiamo prendendo il nostro tempo extra perché è un veicolo con un solo equipaggio e vogliamo essere sicuri di non lasciare nulla di intentato”, ha detto Stich. “Vogliamo esaminare le possibili interazioni tra computer e sistemi e assicurarci di non aver perso nulla prima del nostro ritorno. Stiamo ricevendo molti ottimi dati mentre siamo sulla stazione spaziale non solo per questo volo ma per il prossimo.” volo.

La NASA e la Boeing pensano che i propulsori siano andati offline a causa del calore estremo generato quando sono stati attivati ​​in “rapida successione” per mantenere la capsula in linea con la stazione spaziale, ha detto Stich.

READ  Christian Oliver famoso per Valkyrie, le sue due figlie morirono in un incidente aereo Hollywood

“In alcuni casi, pensiamo che il riscaldamento possa aver vaporizzato un po’ i propellenti e non abbiamo ottenuto una buona miscela. [of the propellants], ecco perché la motivazione è leggermente diminuita”, ha detto. Gli ingegneri ancora non capiscono cosa abbia causato la perdita di elio, ha detto.

Mentre erano sulla stazione, Williams e Wilmore si prepararono per il loro ritorno e provarono utilizzando lo Starliner come rifugio sicuro in caso di emergenza sulla stazione spaziale. Hanno lavorato con altri astronauti per “installare attrezzature di ricerca, mantenere l’hardware del laboratorio e aiutare i membri dell’equipaggio della stazione Matt Dominick e Tracy Tyson a prepararsi per le passeggiate spaziali”, ha affermato la NASA in una nota.

Nonostante i problemi, la NASA ha espresso fiducia nello Starliner. Il volo di prova, progettato per vedere come si comporta lo Starliner con gli esseri umani, dovrebbe rilevare problemi durante il viaggio, hanno detto i funzionari.

“Abbiamo sempre detto che questo è un volo di prova e impareremo alcune cose”, ha detto Mark Nappi, il vicepresidente della Boeing che supervisiona il programma Starliner. Abbiamo appreso che il nostro sistema a elio, sebbene gestibile, non funzionava come previsto. … Quindi dobbiamo andare a trovarlo.

Una volta completata la missione, la NASA certificherà lo Starliner per i voli regolari a rotazione dell’equipaggio completo di quattro astronauti verso la stazione spaziale. SpaceX, l’altro partecipante al programma del Gruppo Commerciale della NASA che ha esternalizzato il volo spaziale umano al settore privato dopo il ritiro dello Space Shuttle, trasporta astronauti alla NASA dal 2020.

Non è chiaro quando Boeing, a cui è stato assegnato un contratto dalla NASA da 4,2 miliardi di dollari nel 2014, effettuerà la sua prima missione regolare con rotazione dell’equipaggio sulla base dei problemi incontrati dallo Starliner durante questo volo di prova.

READ  Il numero 7 dell'Iowa State ha sconfitto il numero 1 di Houston vincendo il Big 12 Tournament

“Dobbiamo affrontare le perdite di elio”, ha detto Stich. “Non faremo un altro viaggio come questo con perdite di elio.” I team devono capire “cosa causa la minore motivazione dei motivatori”. “Quindi abbiamo del lavoro da fare dopo questo volo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *