Caronia – Chiuse le indagini sui misteriosi incendi, li avrebbero appiccati padre e figlio per i rimborsi

Sono finite le indagini a carico di Giuseppe Pezzino, 26 anni, e del padre Nino, 55 anni, accusati di essere gli autori dei roghi — per anni ritenuti inspiegabili — che hanno colpito la frazione di Canneto . I due avrebbero agito per ottenere gli aiuti economici previsti per affrontare la situazione

CARONIA (ME) – La Procura di Patti  ha inviato un avviso di chiusura indagini per Giuseppe Pezzino, 26 anni, e il padre Nino, 55 anni, accusati di tentativo di truffa e allarme sociale perché considerati responsabili di alcuni dei roghi sviluppatisi a Caronia (Messina). Il giovane si trova ai domiciliari mentre il padre, portavoce degli abitanti della via del mare colpiti sin dal 2004 da incendi in alcuni casi definiti inspiegabili, era stato raggiunto da un avviso di garanzia. Secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri Giuseppe Pezzino sarebbe l’autore di alcuni dei roghi di Canneto di Caronia nel 2014 e il padre sarebbe complice del giovane. Gli incendi sarebbero stati appiccati per accedere ai rimborsi previsti come già accaduto per i fatti del 2004.

Be the first to comment on "Caronia – Chiuse le indagini sui misteriosi incendi, li avrebbero appiccati padre e figlio per i rimborsi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.