Accuse respinte contro il famoso golfista Scotty Scheffler in relazione ad un incidente stradale durante il campionato PGA

Tutte le accuse contro il famoso golfista Scotty Scheffler, arrestato all’inizio di questo mese a Louisville, Kentucky per il campionato PGA, sono state respinte.

Il procuratore della contea di Jefferson, Mike O’Connell, si è rivolto mercoledì alla corte con una mozione per respingere le accuse dopo aver affermato che il suo ufficio aveva condotto una revisione “approfondita” del caso e non poteva procedere.

O’Connell ha affermato che la caratterizzazione dell’incidente da parte di Scheffler come un “grossolano malinteso” è stata “corroborata dalle prove” e le sue azioni “non soddisfano gli elementi di alcun reato penale”.

Il giudice Anne Delahunty ha accolto la mozione durante una breve comparizione in tribunale. L’avvocato di Scheffler, Steve Romines, non si è rivolto alla corte.

Parlando ai giornalisti dopo il procedimento giudiziario, Romaines ha detto di essere pronto a portare avanti il ​​caso, ma “sono felice che il caso sia stato archiviato oggi, ovviamente”.

Il caso è stato archiviato con pregiudizio, il che significa che le accuse non possono essere ripristinate, “il che è qualcosa di cui abbiamo bisogno”, ha detto Romaines.

Il giocatore di golf numero 1 al mondo stava guidando vicino al Valhalla Golf Club circa 17 ore prima del suo secondo tee time del secondo major di quest’anno quando presumibilmente ha disobbedito al codice del traffico di un ufficiale e ha colpito l’ufficiale nel suo veicolo. .

L’arresto è avvenuto circa un’ora dopo lo schianto mortale nei pressi del campo da golf. Intorno alle 5 del mattino, un uomo è stato colpito e ucciso da un bus navetta mentre cercava di attraversare la strada vicino al percorso che ospita il campionato PGA, secondo una dichiarazione rilasciata dal dipartimento di polizia della metropolitana di Louisville. La vittima è stata identificata come il volontario del campionato PGA John Mills.

READ  Playoff NBA: i Celtics cancellano 18 punti di vantaggio, spezzano il cuore dei Pacers shorthanded, vanno 3-0

O’Connell e Romaines hanno detto che il giocatore di golf non era a conoscenza dell’incidente mortale mentre tentava di avvicinarsi al campo da golf.

“Tutti i nostri pensieri e le nostre condoglianze vanno alla famiglia Mills”, ha detto Romines mercoledì. “È una situazione triste.”

In risposta al licenziamento, Scheffler ha affermato di aver apprezzato l’ondata di sostegno delle ultime due settimane, ma di voler “incoraggiare tutti a ricordare la vera tragedia del 17 maggio”.

“I miei pensieri e le mie preghiere continuano ad essere rivolti a John Mills e alla sua famiglia, e voglio esprimere personalmente le mie condoglianze ora che il caso è finito”, ha detto Scheffler mercoledì sui social media.

Scheffler, 27 anni, è stato arrestato con l’accusa di aggressione di secondo grado a un agente di polizia – un reato – nonché di atti criminali di terzo grado, guida spericolata e disobbedienza al segnale stradale di un agente. Doveva essere chiamato in giudizio il 3 giugno.

Scheffler si è rifiutato di soddisfare la richiesta di un agente di polizia e “ha accelerato in avanti”, trascinando a terra il detective, secondo un rapporto della polizia. L’agente, identificato come il detective Brian Gillis, è stato portato in ospedale dopo aver accusato “dolore, gonfiore e lividi al polso sinistro e al ginocchio”, secondo il rapporto.

In un rapporto della polizia, Gillis ha detto che stava dirigendo il traffico in seguito allo schianto davanti a un cancello. Dopo che il personale della PGA ha impedito a un autobus di entrare nel cancello, ha detto di aver fermato un veicolo in avvicinamento e ha informato Scheffler che l’autista non poteva passare a causa dell’autobus.

READ  UCLA: La polizia rimuove le barricate dall'accampamento dei manifestanti filo-palestinesi

“Ha chiesto di essere lasciato entrare e ha avanzato contro la mia direzione”, ha scritto Gillis. “Sono stato trascinato/travolto dall’autista. Poi ho arrestato l’autista.”

Mercoledì Scheffler ha definito le comunicazioni uno “sfortunato malinteso” e ha affermato che si è verificato “un grave errore di comunicazione in una situazione caotica”.

“Non nutro alcun rancore nei confronti dell’agente Gillis”, ha detto Scheffler. “Voglio lasciarmi questo incidente alle spalle e andare avanti, e spero che lui faccia lo stesso. Gli agenti di polizia hanno un duro lavoro e li tengo in grande considerazione.”

Scheffler in precedenza aveva definito l’incidente un “enorme malinteso” e aveva detto che stava “seguendo le indicazioni degli agenti di polizia”.

“Era una situazione molto confusa e, comprensibilmente, dato il tragico incidente accaduto prima, c’è stato un enorme malinteso su ciò che pensavo di dover fare”, ha detto Scheffler in una dichiarazione sui social media dopo l’arresto. “Non voglio ignorare nessuna istruzione.”

Mercoledì Romines ha detto ai giornalisti che stava valutando la possibilità di intraprendere un’azione civile per gli arresti, ma che Scheffler “non voleva farlo” a causa del costo per i contribuenti.

“Inoltre, la causa è una distrazione per chiunque”, ha detto Romines.

Mercoledì il dipartimento di polizia della metropolitana di Louisville ha dichiarato di rispettare la decisione del procuratore della contea di respingere le accuse.

“L’LMPD resterà concentrato sulla nostra missione di servire la città di Louisville e ridurre la criminalità violenta”, ha affermato il dipartimento in una nota.

READ  SpaceX annuncia la data del prossimo volo di prova dell'astronave

Il sindaco di Louisville Craig Greenberg aveva precedentemente detto ai giornalisti che non c’erano riprese della telecamera dell’incidente tra Scheffler e l’ufficiale. Secondo il capo della polizia metropolitana di Louisville Jacqueline Quinn-Villaroel, Gillis aveva una telecamera indossata sul corpo ma non l’aveva accesa, in violazione della politica del dipartimento.

A seguito di un’indagine interna, Gillis ha ricevuto un’azione correttiva per non aver acceso la sua macchina fotografica indossata sul corpo, ha annunciato il capo il 23 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *