I Mets dicono che il lancio del guanto post-espulsione di Jorge Lopez è “inaccettabile”

NEW YORK – Mercoledì sera i New York Mets hanno tenuto un incontro riservato ai soli giocatori dopo una sconfitta per 10-3 contro i Los Angeles Dodgers che includeva un’altra esplosione in ritardo nel bullpen e il soccorritore Jorge Lopez che lanciava il suo guanto in tribuna. viene espulso.

Il punteggio fu pareggiato 3–3 all’ottavo inning prima che i Dodgers segnassero sei volte contro tre mitigatori. Uno era Lopez, che ha contestato la decisione dell’arbitro di terza base Ramon De Jesus sul check swing di Shohei Ohtani.

Lopez ha ceduto un fuoricampo di due punti a Ohtani. Ha continuato a discutere con De Jesus quando era sotto 3-1 contro Freddie Freeman prima che l’arbitro lo espellesse.

Appena Lopez si tolse la maglia e gettò il guanto sopra la rete, lasciò il campo. Non ha mostrato rimorso dopo la partita.

“No, non sono arrabbiato”, ha detto Lopez.

Lopez ha continuato: “Quello che è successo, è successo. Sarò qui domani se mi vorranno. Sarò qui qualunque cosa vogliano che io faccia. Continuerò a farlo, lo sai. Sono sano”. … Se vogliono che io sia qui domani Pronto a venire Allora sarò qui.

Lopez ha definito la disputa tra lui e De Jesus un “malinteso”.

“Qualcosa oltre le emozioni”, ha detto Lopez, “non me ne frega un c—. [about] Niente.”

READ  Pronostici sui playoff della settimana 18 della NFL 2023-24: offerta di vittoria dei texani, gli Steelers hanno bisogno di aiuto dopo la vittoria di sabato

Il manager dei Mets, Carlos Mendoza, ha detto che Lopez doveva ancora affrontare il suo comportamento quando ha incontrato i giornalisti.

“Ogni volta che attraversi un momento come questo, vuoi vedere qualche emozione da parte dei giocatori, di chiunque qui”, ha detto Mendoza. “Ma quello che abbiamo visto oggi dalla lobby non è accettabile. Affronteremo la questione qui internamente.”

Lo shortstop Francisco Lindor ha convocato un incontro riservato ai soli giocatori, mentre Mendoza si è rivolto ai media nel tentativo di ribaltare la situazione della squadra.

I Mets, ora sul 22-33 dopo una vittoria di tre partite contro i Dodgers, sono a 16 partite dal primo posto nella National League East e a sei partite dall’ultima wild card. Hanno perso sette partite su otto e 13 su 16. Diverse sconfitte hanno incluso il crollo del bullpen negli ultimi tempi, di cui tre contro i Dodgers questa settimana.

Lindor ha affermato che l’incontro, durato più di 30 minuti, è stata un’opportunità per i giocatori di parlare e di responsabilizzarsi a vicenda.

“Fa bene a tutti”, ha detto Lindor. “Molti giocatori hanno parlato. È fantastico. Molte conoscenze sono state abbandonate. Ora dobbiamo solo metterle insieme”.

Ai Mets restano 107 partite di stagione regolare, ma la realtà è che la squadra ha due mesi per convincere il presidente delle operazioni di baseball David Stearns a non scambiare giocatori prima della scadenza del 30 luglio. Martedì Stearns ha affermato che la scadenza sarà “un punto di svolta nella stagione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *