Dipinti romani furono scoperti a Pompei 2000 anni dopo l'eruzione

Tra le rovine di Pompei sono stati scoperti dipinti romani secolari.

I dipinti furono scoperti nella sala da pranzo della città in rovina, sepolta sotto la cenere dopo una catastrofica eruzione vulcanica nel 79 d.C., una stanza lunga circa 50 piedi e larga 20, che si apre su un cortile con una stanza senza tetto e una lunga scala. Il primo piano, secondo il Parco Archeologico di Pompei.

Gli archeologi descrissero la stanza come spettacolare e circondata da eleganti pareti e decorazioni nere, che mostravano personaggi mitologici ispirati alla guerra di Troia. NONA SEZIONE DEL SITO BLOCCO N. Il sito è stato scoperto nel 10, ed è stato recentemente scavato, ha detto il museo. comunicato stampa.

“Le pareti sono dipinte di nero per bloccare il fumo delle lampade a olio”, ha detto il direttore del parco Gabriel Zuchtriegel in un comunicato stampa. “La gente si incontrava per cenare dopo il tramonto. La luce tremolante delle lanterne, soprattutto dopo qualche bicchiere di buon vino campano, aveva l'effetto di muovere i quadri.”

Sotto gli archi delle scale è stato scoperto un enorme mucchio di materiali da costruzione, su cui erano disegnate a carboncino due coppie di gladiatori.

Dipinti raffiguranti Elena di Troia, Cassandra

Questi dipinti raffigurano Elena di Troia tra le altre figure greche.

L'opera esprime temi di eroismo attraverso il ruolo degli eroi e degli dei che hanno giocato nella guerra di Troia, così come temi del destino e l'idea che gli esseri umani cambino il proprio destino, aggiunge la pubblicazione.

Altri personaggi includono Priamo e la figlia di Ecuba, Cassandra, re e regina di Troia. Nella mitologia greca, ha il dono di vedere il futuro, ma è maledetta dal dio Apollo per non essere in grado di cambiare gli eventi futuri dopo averlo rifiutato.

READ  Live streaming di Final Four March Madness: come guardare UConn vs Alabama stasera

“La coppia mitica ha fornito idee per conversazioni sul passato e sulla vita, che erano di natura puramente romantica”, ha detto Zuchtriegel. “Rappresentano infatti il ​​rapporto tra l'individuo e il destino: Cassandra, che vede il futuro, ma nessuno le crede, Apollo, che si unisce ai Troiani contro gli invasori greci, ma, essendo un dio, non può assicurare la vittoria.”

Altre scoperte irrisolte includono due case collegate tra loro davanti a salotti ristrutturati quando è avvenuta l'esplosione.

Quando è stata riscoperta Pompei?

L'ingegnere militare spagnolo Roque Joaquín de Alcubierre De Alcubierre (ri)scoprì Pompei nel 1748. Un anfiteatro e un'iscrizione con il nome della città furono alcuni dei primi scavi.

La città fu sepolta dalle macerie dopo l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., che uccise migliaia di persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *