Guerra Israele-Hamas: la Corte mondiale avvia il processo contro la causa del Nicaragua contro la Germania

L'AIA, Paesi Bassi (AP) – Lunedì il Nicaragua ha chiesto all'Alta Corte delle Nazioni Unite di congelare l'esercito tedesco e altri aiuti a Israele, sostenendo che il sostegno di Berlino equivale a genocidio e violazione del diritto umanitario internazionale. Nella guerra tra Israele e Hamas a Gaza.

Aprendo il caso del Nicaragua davanti alla Corte internazionale di giustizia, l'ambasciatore del Paese nei Paesi Bassi, Carlos José Argello Gomes, ha dichiarato davanti a un collegio di 16 giudici che “la Germania non ha onorato il proprio obbligo di prevenire il genocidio o di rispettare il diritto internazionale umanitario”.

Sebbene il caso intentato dal Nicaragua si concentri sulla Germania, prende indirettamente di mira anche la campagna militare israeliana a Gaza. Gli attentati mortali del 7 ottobre I militanti guidati da Hamas sono entrati nel sud di Israele, uccidendo 1.200 persone. Secondo il ministero della sanità locale, più di 33.000 palestinesi sono stati uccisi a Gaza. Il suo numero Non differenzia tra civili e militanti, ma la maggior parte dei morti erano donne e bambini.

Israele Nega fermamente Il suo attacco equivale ad atti di genocidio e afferma di agire per legittima difesa. Il consulente legale israeliano Tal Becker ha detto ai giudici in tribunale all’inizio di quest’anno che il paese stava combattendo “una guerra che non era iniziata e che non voleva”.

Ma il Nicaragua ha respinto tale difesa, citando il sostegno della Germania a Israele.

“Sorprendentemente, la Germania non è riuscita a distinguere tra autodifesa e genocidio”, ha detto Arguello Gomez.

Martedì mattina, rivolgendosi alla corte, la Germania respinge la causa intentata dal Nicaragua.

“La Germania non ha violato la Convenzione sul genocidio né il diritto internazionale umanitario, che presenteremo in dettaglio alla Corte internazionale di giustizia”, ​​ha detto venerdì ai giornalisti a Berlino il portavoce del ministero degli Esteri tedesco Sebastian Fischer.

READ  Molti sistemi sanitari rivendicano i bisogni - NBC Chicago

Il Nicaragua ha chiesto alla Corte di emettere ingiunzioni preliminari, note come misure provvisorie, che impongano alla Germania di “cessare immediatamente il suo aiuto a Israele, in particolare nella misura in cui il suo aiuto militare, compreso l'equipaggiamento militare, potrebbe essere utilizzato in violazione della Convenzione sul genocidio e delle norme internazionali”. legge.”

Vuole anche che il tribunale ordini alla Germania di ripristinare i finanziamenti all’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite a Gaza, oltre agli aiuti già forniti da Berlino.

“È una scusa pietosa per i bambini, le donne e gli uomini palestinesi a Gaza, da un lato, per fornire aiuti umanitari attraverso lanci aerei, armi ed equipaggiamento militare usati per ucciderli e distruggerli” e gli operatori umanitari, ha detto ai giudici l'avvocato nicaraguense Daniel Mueller .

La corte impiegherà settimane per emettere la sua decisione preliminare e il caso del Nicaragua si trascinerà per anni.

L'udienza di lunedì alla Corte Mondiale avviene nel mezzo di crescenti richieste agli alleati di porre fine alle forniture di armi a Israele Una campagna di sei mesi Continua a scaricare rifiuti a Gaza.

Venerdì, il principale organismo delle Nazioni Unite per i diritti umani ha invitato i paesi Smettere di vendere o inviare armi a Israele. Gli Stati Uniti e la Germania si opposero alla risoluzione.

Inoltre, ci sono centinaia di giudici britannici, inclusi tre giudici in pensione della Corte Suprema Hanno invitato il loro governo La vendita di armi a Israele deve essere fermata dopo che tre cittadini britannici su sette operatori umanitari dell'organizzazione benefica World Central Kitchen sono stati uccisi. Attacchi israeliani. Israele ha attribuito l'attacco agli operatori umanitari ad un “errore di identificazione”.

READ  Muore il primo trapianto di rene suino al mondo

La Germania lo è da decenni Un convinto sostenitore di Israele. Pochi giorni dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre, il presidente Olaf Scholz ne ha spiegato il motivo: “La nostra storia, la nostra responsabilità derivante dall'Olocausto, rendono per noi un compito permanente difendere lo Stato di Israele”, ha affermato. . Legislatori.

Tuttavia, con l’aumento delle vittime civili a Gaza, Berlino ha gradualmente cambiato tono, diventando sempre più critica nei confronti della situazione umanitaria a Gaza e denunciando l’offensiva di terra a Rafah.

Il governo del Nicaragua, che ha legami storici con le organizzazioni palestinesi che hanno sostenuto la rivoluzione sandinista del 1979, è stato accusato all’inizio di quest’anno da esperti di diritti umani sostenuti dalle Nazioni Unite. Violazioni sistematiche dei diritti umani “equivale a crimini contro l'umanità.” Il governo del presidente Daniel Ortega ha negato fermamente le accuse.

Nel mese di gennaio, l’I.C.J Misure temporanee A Israele è stato ordinato di fare tutto ciò che è in suo potere per prevenire la morte, la distruzione e gli atti genocidi a Gaza. L'ordinanza è stata emessa in un caso presentato dal Sudafrica in cui si sosteneva che Israele aveva violato la Convenzione sul genocidio.

Il 28 marzo, la corte ha ordinato a Israele di adottare misure per migliorare la situazione umanitaria a Gaza, inclusa l’apertura di ulteriori valichi di terra per consentire l’ingresso di cibo, acqua, carburante e altri rifornimenti nella regione devastata dalla guerra.

___

Lo scrittore dell'Associated Press Keir Molson da Berlino ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *