La Columbia University cancella il master tra le proteste

Titolo del video, I manifestanti di Gaza hanno interrotto le cerimonie di laurea nelle università americane del Massachusetts e del Michigan.

La Columbia University ha cancellato il suo corso di laurea di punta dopo settimane di proteste nei campus per la guerra Israele-Gaza.

La scuola della Ivy League ha detto che ritarderà l’inizio del 15 maggio a favore di celebrazioni più piccole per concentrarsi sul “mantenerli al sicuro”.

La City University di New York ha dichiarato di aver raggiunto la decisione dopo aver consultato i leader studenteschi.

Le università di tutti gli Stati Uniti affrontano interruzioni nel conseguimento del diploma a causa delle proteste filo-palestinesi.

Lunedì la Columbia University ha dichiarato in una dichiarazione: “I nostri studenti hanno sottolineato che queste celebrazioni su piccola scala e svolte nelle scuole sono molto significative per loro e per le loro famiglie.

“Sono ansiosi di salire sul palco tra gli applausi e l’orgoglio della famiglia e di ascoltare gli oratori ospiti invitati dalla loro scuola.

“Di conseguenza, concentreremo le nostre risorse su quegli eventi scolastici per garantire che siano sicuri, rispettosi e ordinati”.

Secondo i calcoli della BBC, le proteste hanno avuto luogo in quasi 140 college in 45 stati e a Washington DC da quando sono iniziate le proteste alla Columbia University a metà aprile.

Secondo un conteggio dell’Associated Press, circa 2.500 persone sono state arrestate nei campus di tutto il Paese.

La settimana scorsa, la Columbia ha chiesto alla polizia di allontanare i manifestanti filo-palestinesi dal suo campus a Upper Manhattan, provocando più di 100 arresti.

I manifestanti hanno occupato Hamilton Hall e l’hanno ribattezzata Hinds Hall, in onore di una bambina palestinese di sei anni uccisa a Gaza.

Il college ha inviato agenti il ​​18 aprile per arrestare più di 100 manifestanti che avevano allestito dozzine di tende nel campus nel quartiere di Morningside.

fonte dell’immagine, Belle foto

I manifestanti hanno chiesto al college di disinvestire dalle società che traggono profitto dalla guerra tra Israele e Gaza, ma durante i disordini sono stati segnalati episodi di antisemitismo.

La Columbia ha chiesto che la polizia di New York rimanga nel campus almeno fino al 17 maggio.

Lunedì, il presidente dell’Università di Harvard Alan Garber ha avvertito i manifestanti di smettere di accamparsi nel campus altrimenti rischiano la sospensione.

Nel frattempo, la polizia antisommossa ha arrestato dozzine di manifestanti durante lo sgombero di un accampamento filo-palestinese presso l’Università della California a San Diego.

Il raid di lunedì è avvenuto il giorno dopo che la polizia di Los Angeles ha smantellato un accampamento simile presso l’Università della California del Sud (USC). Non sono stati segnalati arresti.

In una dichiarazione di domenica, la presidente della USC Carol Folt ha affermato che è necessaria un’azione perché la situazione “sta girando in una direzione pericolosa”.

Domenica, la cerimonia di laurea della Northeastern University a Boston si è conclusa pacificamente con la polizia al Fenway Park della città.

I membri della classe dei diplomati portavano bandiere palestinesi e cantavano slogan filo-palestinesi. Altri studenti sventolavano bandiere israeliane.

Proteste simili sono scoppiate sabato all’inizio dell’Università del Michigan ad Ann Arbor.

Nel frattempo, l’Università del Mississippi sta indagando su uno studente accusato di aver urlato contro una donna di colore durante una protesta nel campus la scorsa settimana. L’appartenenza di uno studente alla confraternita Phi Delta Theta è stata revocata.

I video sui social media hanno mostrato giovedì scorso che i manifestanti filo-palestinesi venivano repressi da un folto gruppo di contro-manifestanti.

Il college ha affermato di aver avviato un’indagine su “azioni che rivelano un tono di ostilità e razzismo”.

All’Università di Princeton, almeno 17 studenti hanno detto venerdì che avrebbero iniziato uno sciopero della fame finché i funzionari del campus non li avessero incontrati.

Chiedono anche che la punizione degli studenti universitari del New Jersey venga annullata dopo che la settimana scorsa la polizia ha arrestato 13 persone per violazione di domicilio durante un tentativo di sit-in.

Gli studenti sono stati banditi dal campus e rischiano azioni disciplinari, inclusa la possibile sospensione o espulsione.

Venerdì, i docenti dell’Università della California, Los Angeles (UCLA) hanno condannato la gestione delle proteste studentesche.

Dopo che la polizia ha isolato il campus la scorsa settimana per sgomberare un campo, la facoltà di storia ha emesso due lettere di condanna dell’amministrazione.

Nel frattempo, i professori di storia dell’Università della Virginia hanno pubblicato una lettera aperta in cui condannano l’istituzione dopo che la polizia ha arrestato sabato 25 persone nel campus dove i manifestanti filo-palestinesi si erano rifiutati di rimuovere un accampamento.

READ  Eclissi 2024: la tua guida dell'area DC all'evento solare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *