Il lancio pianificato dell’equipaggio dello Space Shuttle Starliner della Boeing

Razzo Atlas 5 trasporta gli astronauti L’esplosione è avvenuta lunedì notte Il traghetto dell’equipaggio Starliner della Boeing, a lungo in ritardo In orbita per il suo primo volo di prova pilota. Ma un problema con una valvola nello stadio superiore del razzo ha costretto i responsabili della missione a ordinare una pulizia due ore prima del decollo.

Fu una delusione per il comandante Barry “Butch” Wilmore e il copilota Sunita Williams, che erano in servizio per il lancio quando è stata annunciata la pulizia. Il momento mi ha fatto venire in mente uno dei detti preferiti di Wilmore: “Preferiresti essere sulla terra piuttosto che nello spazio”.

Non è immediatamente chiaro quando Boeing e il costruttore di razzi United Launch Alliance saranno in grado di organizzare un altro tentativo, ma gli ingegneri devono prima capire cosa ha causato il “vibrazione” della valvola di sfogo dell’ossigeno dello stadio superiore Centaur del razzo nelle fasi finali. Carburante e cosa potrebbe essere necessario per risolverlo.

Il conto alla rovescia per il lancio del razzo Atlas 5 e della capsula dell’equipaggio Starliner è stato interrotto pochi minuti dopo a causa di problemi con la valvola di sfogo dell’ossigeno dello stadio superiore. Il lancio è ora sospeso in attesa della risoluzione del problema della valvola.

televisione della NASA


Con anni di ritardo sulla tabella di marcia e oltre un miliardo di dollari spesi, Starliner è la risposta di Boeing al Crew Dragon di SpaceX, uno shuttle già operativo che ha portato in orbita 50 astronauti, astronauti e civili su 13 voli, 12 dei quali verso la stazione spaziale.

La NASA ha finanziato lo sviluppo di entrambe le navette per garantire che l’agenzia potesse inviare personale all’avamposto anche se la navetta di una compagnia fosse rimasta a terra per qualsiasi motivo. Sebbene la Boeing abbia impiegato più tempo del previsto per preparare la nave per i voli dell’equipaggio, tutti i sistemi sono stati lanciati dal pad 41 della stazione spaziale di Cape Canaveral alle 22:34 EDT.

Gli ingegneri erano impegnati a caricare il propellente quando fu scoperto il problema alla valvola. Dopo aver valutato le sue prestazioni, gli ingegneri constatarono che il suo comportamento non poteva essere “comodo” e il lancio fu interrotto.

Indossando le tute pressurizzate blu scuro della Boeing, Wilmore e Williams, entrambi piloti collaudatori veterani della Marina e astronauti in servizio attivo con quattro precedenti missioni spaziali, uscirono dallo Starliner e iniziarono ad aspettare un’altra possibilità di lancio. .

Sunita Williams, a sinistra, e il comandante Butch Wilmore escono dalla capsula Starliner poco dopo il lancio e vengono scortati nella cabina dell’equipaggio al Kennedy Space Center.

televisione della NASA


Atlas 5, al suo centesimo volo, è il razzo più affidabile con un record di lancio perfetto. Il razzo è dotato di un sofisticato sistema di rilevamento dei guasti di emergenza e lo Starliner, come il Crew Dragon di SpaceX, ha un sistema di interruzione “full busta” per la rampa di lancio in orbita.

Ogni volta che decolla, Atlas 5 impiega solo 15 minuti per portare lo Starliner in un’orbita iniziale. Una volta nello spazio, gli astronauti effettueranno due rapidi lanci di spinta per mettere a punto l’orbita della navicella prima di testare il sistema di controllo manuale assistito da computer della navicella.

Come per gli altri incontri sulla stazione spaziale, Starliner si avvicinerà al laboratorio da dietro e da sotto, girerà fino a un punto direttamente presso l’avamposto, quindi si sposterà per attraccare nella porta anteriore del modulo Harmony.

Durante l’avvicinamento finale, Wilmore e Williams testeranno nuovamente i controlli manuali della capsula per garantire che i futuri equipaggi saranno in grado di modificare la traiettoria o l’orientamento della navicella a piacimento, se necessario.

Lo Starliner è dotato di un sistema di backup completamente manuale che bypassa i computer di volo della navicella e consente all’equipaggio di comandare direttamente i propulsori della nave utilizzando un controller manuale simile a un joystick. Wilmore e Williams testeranno il sistema dopo aver lasciato la stazione il 15 maggio e inizieranno il loro viaggio di ritorno sulla Terra.

Quattro missioni spaziali tra il comandante della Starliner Barry “Butch” Wilmore e il copilota Sunita Williams, due piloti collaudatori veterani della Marina e astronauti della NASA.

NASA


Una volta al molo, Wilmore e Williams trascorreranno più di una settimana con i sette membri dell’equipaggio a lungo termine della stazione: gli astronauti Oleg Kononenko, Nikolai Chubb e Alexander Grebenkin, insieme a Matthew Dominik, Michael Barrett, Jeanette Epps e Tracy Dyson della NASA.

Se il volo di prova dello Starliner andrà bene, i manager della NASA si aspettano la certificazione per voli regolari a rotazione dell’equipaggio, lanciando ogni anno un Crew Dragon e uno Starliner per inviare sulla stazione membri dell’equipaggio di lunga durata per missioni di sei mesi.

“Pietra miliare assolutamente importante”

Jim Free, amministratore associato della NASA per le operazioni spaziali, ha definito lo Starliner Crew Flight Test, o CFT, “una pietra miliare assolutamente fondamentale”.

“Ricordo ancora a tutti che questa è una nuova navicella spaziale”, ha detto ai giornalisti la scorsa settimana. “Ci sono sicuramente cose che non sappiamo di questa missione e potremmo incontrare cose che non ci aspettiamo. Ma il nostro compito in questo momento è essere vigili e cercare problemi.”

Anche se credeva che lo Starliner avrebbe portato a termine la missione, Frei disse che non voleva “andare troppo avanti” perché l’equipaggio doveva ancora completare una missione con successo. Ma “quando lo faremo”, ha aggiunto, “quando certificheremo Starliner, gli Stati Uniti avranno due navette spaziali umane uniche che forniranno una ridondanza fondamentale per l’accesso alla ISS”.

Ma non è stato facile.

Dopo il ritiro dello Space Shuttle nel 2011, la NASA ha assegnato due contratti di progetto di gruppo commerciale per stimolare lo sviluppo di un veicolo spaziale indipendente in grado di trasportare astronauti. Stazione Spaziale Internazionale.

La data prevista per i primi voli pilotati del PCC è il 2017. La carenza di finanziamenti del Congresso e problemi tecnici hanno ritardato lo sviluppo, inclusa un’esplosione durante un test a terra che ha distrutto la SpaceX Crew Dragon.

Ma il costruttore di razzi californiano ha finalmente iniziato i voli pilota nel maggio 2020, lanciando con successo due astronauti della NASA a bordo del volo di prova Crew Dragon verso la stazione spaziale.

Da allora, SpaceX ha lanciato otto equipaggi orbitanti sulla stazione e tre missioni di ricerca nel laboratorio con sede a Houston. Spazio degli assiomi e A Puramente commerciale, un viaggio di due uomini e due donne nell’orbita terrestre bassa pilotato dall’aviatore e imprenditore miliardario Jared Isaacman. In totale, 50 persone sono volate in orbita a bordo di Crew Dragons.

La storia è diversa per lo Starliner della Boeing.

Durante un volo di prova senza pilota nel dicembre 2019, un errore del software ha impedito al computer di volo della nave di caricare l’orario di lancio corretto dalla nave Atlas 5.

La capsula Starliner e il suo modulo di servizio sono fissati al sottile stadio superiore Centaur del booster Atlas 5. L’estensione a forma di tamburo sotto il modulo di servizio è una “aeroskirt” progettata per migliorare l’aerodinamica durante la risalita dalla spessa atmosfera inferiore.

Alleanza editoriale unita


Di conseguenza, il necessario inserimento orbitale non è avvenuto in tempo e, a causa di problemi di comunicazione non correlati, i controllori di volo non sono stati in grado di riprendere il controllo in tempo.

I problemi software sono stati risolti dopo l’atterraggio dello Starliner, insieme a vari problemi emersi durante la revisione post-volo. La Boeing scelse di effettuare un secondo volo di prova a proprie spese, ma la compagnia scoprì che le valvole del sistema di propulsione nel blocco di servizio dello Starliner erano bloccate. Gli ingegneri non furono in grado di risolvere il problema e la capsula fu rimossa dall’Atlas 5 e trasportata al suo impianto di lavorazione per le riparazioni.

Gli ingegneri alla fine hanno identificato un problema di umidità, presumibilmente elevata umidità e pioggia dopo il rotolamento del cuscinetto, che ha reagito chimicamente con il propellente del propulsore e ha creato corrosione. La corrosione ha impedito l’apertura delle valvole a comando.

Per spianare la strada al lancio del prossimo maggio, le valvole del nuovo modulo di servizio sono state sostituite e il sistema modificato per impedire all’acqua di entrare nella rampa di lancio. Un secondo volo di prova dello Starliner nel maggio 2022 ha avuto successo, attraccando alla stazione spaziale come previsto e tornando sulla Terra con un atterraggio di precisione.

Ma dopo il volo, gli ingegneri hanno scoperto nuovi problemi: un problema con i connettori dell’imbracatura del paracadute e preoccupazione per il nastro protettivo avvolto attorno al cablaggio che potrebbe prendere fuoco in caso di cortocircuito.

Il lavoro per risolvere questi problemi ha spinto il primo volo dal 2023 al 2024. Dopo tutto quello che è stato detto e fatto, Boeing ha speso più di 1 miliardo di dollari per finanziare ulteriori voli di prova e azioni correttive.

READ  Prodotti chimici domestici comuni collegati a danni cerebrali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *