La nebulosa a forma di manubrio nell'immagine di Hubble potrebbe mostrare prove di cannibalismo stellare

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie su scoperte affascinanti, scoperte scientifiche e altro ancora.



CNN

Il telescopio spaziale Hubble ha catturato una nuova straordinaria immagine di gas incandescente espulso da una stella morente, in questo caso un “manubrio cosmico”.

L'immagine potrebbe anche contenere prove che la stella abbia ingoiato un'altra stella sotto forma di stella cannibale prima di collassare.

Per celebrare il 34° anniversario del lancio della sonda spaziale, avvenuto il 24 aprile 1990, la NASA ha pubblicato un'immagine della Piccola Nebulosa Manubrio, conosciuta anche come Messier 76 o M76.

Situata a 3.400 anni luce di distanza nella costellazione del Perseo, la nebulosa è un guscio di gas in espansione espulso da una stella gigante rossa morente. L'oggetto cosmico è chiamato nebulosa planetaria, ma non ha nulla a che fare con i pianeti.

Le nebulose planetarie hanno solitamente una struttura circolare, così chiamata perché somigliavano ai dischi che si formarono quando l'astronomo francese Charles Messier ne scoprì uno nel 1764. Nel 1780 Pierre Mechain scoprì la Nebulosa Piccolo Manubrio e gli astronomi furono i primi a fotografarla. Una vista dettagliata di esso nel 1891. La Nebulosa Fotogenica è stata una delle preferite sia dagli astronomi professionisti che da quelli dilettanti grazie alla sua forma unica.

Se i ricercatori confermassero che la nebulosa contiene la prova di un caso di cannibalismo cosmico, potrebbe fornire la prova di un compagno a lungo teorizzato di una gigante rossa.

La Nebulosa Piccolo Manubrio include un anello che, a nostro avviso, sembra una barra centrale che collega i due lobi su entrambi i lati dell'anello. Prima che l’invecchiamento della stella gigante rossa collassasse, rilasciò un anello di gas e polvere. Successivamente, secondo gli astronomi, l’anello potrebbe essere stato formato da una stella compagna, e l’anello di gas e polvere alla fine formò uno spesso disco.

READ  Sinner ha posto fine alla serie di vittorie consecutive del 10 volte campione Novak Djokovic agli Australian Open affrontando Medvedev per il titolo.

La stella compagna, che un tempo orbitava attorno alla gigante rossa, non si vede da nessuna parte nell'immagine di Hubble. Gli astronomi pensano che la stella gigante rossa abbia ingoiato la sua compagna e, studiando l'anello, possono ricavare “prove forensi” di questa attività cosmica e cannibalistica. Pubblicazione della NASA.

Dopo il collasso, la stella gigante rossa è diventata un resto stellare morto noto come stella nana bianca ultradensa. La nana bianca ha una temperatura di 250.000 gradi Fahrenheit (138.871 gradi Celsius), 24 volte più calda della superficie del nostro Sole, ed è una delle stelle nane bianche più calde conosciute.

La nana bianca è la luce bianca brillante al centro della nebulosa nell'immagine di Hubble.

Nel frattempo, i due lobi visti nel ritratto rappresentano il deflusso di gas caldo e materiale dalla stella morente con una forza simile a quella di un uragano, scagliandola nello spazio a 2 milioni di miglia all'ora. Il vento stellare proveniente dalla stella si scontra con il gas più freddo e lento espulso dalla stella all'inizio della sua vita, che si trova nei lobi.

La radiazione ultravioletta proveniente da una stella calda e ardente fa sì che i gas brillino in diversi colori che rappresentano diversi elementi, come il rosso per l'azoto e il blu per l'ossigeno.

Gli astronomi stimano che entro 15.000 anni la nebulosa scomparirà dal cielo notturno poiché continua ad espandersi e a diventare più fioca.

La Nebulosa Piccolo Manubrio è uno dei 53.000 oggetti astronomici osservati da Hubble in 34 anni e ad oggi il telescopio ha effettuato 1,6 milioni di osservazioni. Gli astronomi di tutto il mondo si affidano al telescopio e al suo database in continua crescita per fare nuove scoperte.

READ  Addetti ai lavori affermano che i licenziamenti colpiscono il 30% e il 40% dei dipendenti dei giochi Toys for Pop e Sledgehammer

“Il telescopio spaziale è la missione di astrofisica spaziale più produttiva dal punto di vista scientifico nella storia della NASA”, secondo un comunicato della NASA.

Hubble e il telescopio spaziale James Webb si completano a vicenda, raccogliendo osservazioni a diverse lunghezze d'onda della luce per una visione più nitida e profonda dell'universo mentre gli astronomi cercano di svelare i misteri che circondano supernove, galassie distanti, esopianeti e altre stranezze celesti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *