L’avvocato speciale chiede l’ordine di silenzio al giudice nel caso dei documenti riservati di Trump



CNN

Gli avvocati dell’Office of Special Counsel hanno chiesto a un giudice federale della Florida di ordinare il silenzio. Donald Trump Ciò limiterebbe la sua capacità di commentare le forze dell’ordine che hanno perquisito il suo resort di Mar-a-Lago.

Richiesta – Prima Un caso di cattiva gestione di documenti riservati – arriva dopo che l’ex presidente ha ripetutamente e falsamente criticato l’FBI per avere una politica sull’uso della forza letale. Perquisizione e sequestro di documenti governativi nel suo resort nell’agosto 2022.

Sebbene Trump abbia detto ai sostenitori che potrebbe essere stato a rischio a causa di questa politica, la politica è il protocollo standard per le perquisizioni dell’FBI e limita il modo in cui gli agenti possono usare la forza nelle operazioni di ricerca. La stessa politica standard dell’FBI è stata utilizzata in un’indagine separata su documenti classificati nelle case e negli uffici del presidente Joe Biden.

Gli avvocati del procuratore speciale Jack Smith hanno scritto in una dichiarazione venerdì sera al giudice Eileen Cannon che le condizioni che consentono a Trump di rimanere fuori di prigione in attesa del processo devono essere rinnovate.

I pubblici ministeri affermano che l’ordine di silenzio è necessario per proteggere l’integrità della procura penale e dei relativi funzionari delle forze dell’ordine. Hanno scritto che le sue dichiarazioni incendiarie avrebbero suscitato i suoi sostenitori Ritorsioni contro funzionari federaliAlcuni di loro potrebbero essere testimoni del caso.

“Le ripetute false dichiarazioni di Trump riguardo al tentativo di uccidere lui, la sua famiglia e gli agenti dei servizi segreti mettono a rischio le forze dell’ordine coinvolte nelle indagini e nel perseguimento di questo caso e minacciano l’integrità di questo procedimento”, hanno scritto gli avvocati.

READ  Torneo NCAA femminile 2024: come guardare le partite degli Sweet 16 oggi

Hanno aggiunto che i suoi recenti commenti “invitano a minacce e molestie che si sono verificate quando altri partecipanti a procedimenti legali contro Trump sono stati presi di mira dal suo incitamento”.

La CNN ha contattato gli avvocati di Trump per un commento.

I pubblici ministeri affermano che gli avvocati di Trump si sono opposti al divieto di commentare le forze dell’ordine che hanno lavorato alle indagini, e si sono opposti alla risposta dell’ufficio del procuratore speciale ai commenti di Trump in tribunale venerdì scorso, il fine settimana del Memorial Day.

“Non credono che ci sia un pericolo immediato e hanno chiesto di incontrarsi e discutere lunedì prossimo”, hanno affermato i pubblici ministeri.

I pubblici ministeri hanno notato che venerdì Trump stava intensificando le accuse contro l’FBI sul suo account social Truth.

Giovedì il procuratore generale Merrick Garland ha affrontato le affermazioni di Trump sulla perquisizione dell’FBI a Mar-a-Lago. “L’accusa è falsa e molto pericolosa. Il documento a cui si fa riferimento nell’accusa è una politica permanente della magistratura che limita l’uso della forza”, ha detto Garland.

“Come consigliato dall’FBI, questo fa parte di un piano operativo standard per le ricerche”, ha detto Garland. “In effetti, è stato utilizzato anche in una perquisizione consensuale della casa del presidente Biden.”

L’uso della politica della forza mortale è stato incluso in diverse pagine di documenti che regolano il protocollo di ricerca e le politiche dell’FBI rese pubbliche questa settimana nel caso di Trump davanti alla corte federale quando ha visitato Mar-a-Lago. I documenti affermano inoltre che gli agenti indosseranno abiti casual da lavoro non contrassegnati e che se Trump arriva a Mar-a-Lago durante la perquisizione, la leadership sul posto parlerà con lui e i suoi dettagli dei servizi segreti.

READ  Chiefs, il mondo della NFL sconcertato dalla decisione dei 49ers sugli straordinari del Super Bowl 58 – NBC Sports Bay Area e California

I tribunali fuori dalla Florida hanno confermato gli ordini di silenzio che vietano ai testimoni, ai potenziali giurati e allo staff di parlare dei suoi casi a causa delle minacce e delle molestie che i suoi commenti hanno provocato, tra le altre ragioni.

La capacità di Trump di commentare pubblicamente l’indagine in corso a New York, dove è stato disprezzato e multato 10 volte, è ancora limitata. Alla corte federale.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori segnalazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *