OMS: L’epatite è la seconda causa di morte infettiva nel mondo

Secondo un rapporto recentemente pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, più di 6.000 persone al giorno vengono infettate dall’epatite virale e i progressi nella lotta contro la malattia sono in fase di stallo.

IL AnalisiPubblicato questo mese al Summit Mondiale sull'Epatite di Lisbona, esamina il peso dell'epatite virale in 187 paesi e valuta i progressi del mondo verso l'eliminazione della malattia.

Sebbene possa essere presente l'epatite causato Può essere innescato da un virus che provoca epatite, ittero, febbre e altri sintomi, con consumo eccessivo di alcol e alcuni farmaci. Esistono cinque ceppi principali del virus e alcuni ceppi possono essere prevenuti con la vaccinazione. Due ceppi del virus, l’epatite B e C, portano a malattie a lungo termine, mentre l’epatite B causa la maggior parte dei decessi.

I decessi dovuti alla malattia sono in aumento, con l’epatite virale che è la seconda causa di morte tra le malattie trasmissibili non covid in tutto il mondo, osserva il rapporto. Entro il 2022, scrivono gli autori, i decessi per epatite virale aumenteranno a 1,3 milioni in tutto il mondo, rispetto a 1,1 milioni nel 2019. Sebbene nel frattempo i nuovi casi siano diminuiti, il rapporto afferma che il mondo “non è sulla buona strada” per l’OMS. bersaglio Ridurre le nuove infezioni da epatite del 90% e i decessi del 65% entro il 2030.

Due terzi del carico globale di epatite virale ricade su soli 10 paesi: Cina, India, Indonesia, Nigeria, Pakistan, Etiopia, Bangladesh, Vietnam, Filippine e Russia. Le disparità nell’assistenza primaria, nella disponibilità dei farmaci, nei test e nelle vaccinazioni determinano tali disparità, afferma il rapporto.

“Questo rapporto dipinge un quadro complesso: nonostante i progressi globali nella prevenzione delle infezioni da epatite, i decessi sono in aumento perché le persone affette da epatite sono sottodiagnosticate e curate”, ha affermato in un comunicato stampa il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. liberazione.

READ  Il Sole ha lanciato tre grandi brillamenti solari in 24 ore

Il rapporto individua le sfide finanziarie che potrebbero limitare ulteriormente i progressi. Ma l’OMS conclude che un approccio di sanità pubblica che amplia l’accesso equo agli interventi contro l’epatite potrebbe riportare il mondo sulla strada giusta e contribuire a eliminare la malattia entro la fine del decennio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *