Escrementi di animali in alcune vie del centro storico di S. Stefano Camastra

la strada oggetto di polemiche

S. STEFANO DI CAMASTRA (ME) –Allarme escrementi di animali in alcune vie del centro storico di S. Stefano di Camastra, una situazione che in questi giorni con il nefasto “coronavirus” non può non farci riflettere su un aspetto sanitario forse di poco conto ma che crediamo debba essere affrontato e risolto o quantomeno arginato. Considerato, che alcune segnalazioni verbali non hanno sortito l’effetto sperato, alcuni cittadini hanno deciso di inviare una missiva al sindaco, al comandante dei Vigili Urbani e all’ufficiale sanitario, portando alla loro attenzione un grosso problema che ogni anno, con l’arrivo del caldo e la mancanza di piogge, si evidenzia, e nel caso in questione in particolare nella via Caracciolo nel tratto che va dal civico 31 al civico 56. Questa iniziativa portata avanti da parte di questo gruppo di cittadini, certamente farà storcere il naso agli animalisti, ma i promotori che hanno voluto intraprendere questa strada dettati dal malessere che provano quotidianamente e dalla meraviglia con cui alcuni atteggiamenti passino quasi inosservati. In questa strada, sede di numerose attività, (una sala giochi, una scuola guida, un salone da barba, due b&b) oltre che residenza di tanti cittadini, ormai è diventata “meta” preferita di diversi cani, portati a spasso dai loro umani, che non si fanno scrupoli di farli urinare e defecare sui portoni, sulle scale e sui vasi, situati lungo questo tratto di strada, anche più volte durante la giornata. Tutto questo causa un olezzo insopportabile specie nelle ore più calde della giornata, durante le quali non si possono neanche tenere gli infissi aperti. Da parecchio tempo si parla di attrezzare delle aree per permettere la sgambata agli animali, lontani dal centro abitato, solo così si può risolvere questo problema, ristabilendo una situazione di igiene e salubrità consone al vivere civile, tanto più che Santo Stefano di Camastra ha l’ambizione di porsi come cittadina ad alta ricettività turistica sulla costa tirrenica messinese. Nella nota, i firmatari suggeriscono al Comune di recepire e far rispettare il regolamento di altri Comuni virtuosi che, oltre alla raccolta delle deiezioni, obbligano i padroni degli animali, a munirsi di bottiglie di acqua e disinfettante da spruzzare sulle urine degli animali, in modo che non causino olezzo. Altra soluzione, potrebbe essere quella di infliggere delle sanzioni esemplari ai contravventori, unico mezzo che ad oggi sembra funzionare.

Be the first to comment on "Escrementi di animali in alcune vie del centro storico di S. Stefano Camastra"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.