I media iraniani hanno riferito che l’elicottero su cui viaggiava il presidente Raisi si è schiantato

22:41 ET, 19 maggio 2024

L’incidente dell’elicottero arriva in un momento critico per la regione e per l’Iran

Analisi di Jerome Taylor della CNN



Ashkelon, Israele, vista dal 14 aprile, quando un sistema antimissile ha lanciato droni e missili contro Israele.

Amir Cohen/Reuters/File

Lo schianto di un elicottero che trasportava il presidente e il ministro degli Esteri iraniani arriva in un momento critico per l’Iran, in particolare in Medio Oriente, e in patria.

La guerra di Israele contro Hamas e la catastrofe umanitaria che si è verificata a Gaza negli ultimi sette mesi hanno scosso l’opinione mondiale e aumentato le tensioni in tutto il Medio Oriente.

Ha portato alla luce la decennale guerra ombra tra Iran e Israele.

Il mese scorso l’Iran ha lanciato un attacco senza precedenti Attacco con droni e missili contro Israele – il suo primo attacco diretto contro quel paese – in risposta a un attacco aereo israeliano apparentemente mortale Ambasciata iraniana a Damasco Ha ucciso un alto comandante del Corpo d’élite delle Guardie Rivoluzionarie iraniane (IRGC).

Israele Una settimana dopo colpì di nuovoColpisce obiettivi fuori dalla città iraniana di Isfahan con una risposta molto piccola e misurata, secondo i funzionari statunitensi.

Da allora lo sciopero diretto tra i due si è interrotto. Ma la guerra per procura continua mentre le milizie filo-iraniane come Hamas e Hezbollah continuano a combattere le forze israeliane.

Nel frattempo, la leadership intransigente dell’Iran si trova ad affrontare da anni l’ultima esplosione di proteste popolari nelle strade del suo paese. Sanzioni guidate dagli Stati Uniti Colpiscono forte.

Il paese è stato scosso dalle proteste guidate dai giovani contro il regime teocratico e dalle terribili condizioni economiche in seguito alla morte di Mahza Amini mentre era in custodia presso la famigerata polizia morale iraniana nel 2022.

Le autorità iraniane hanno risposto alle proteste lanciando un’ampia repressione contro l’opposizione.

Questa repressione ha portato ad abusi dei diritti umani, alcuni di essi “Crimini contro l’umanità” Secondo un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato a marzo.

Anche se per ora le proteste si sono in gran parte attenuate, l’opposizione alla leadership clericale rimane profondamente radicata tra molti iraniani, soprattutto tra i giovani, che desiderano riforme, lavoro e un allontanamento dall’oppressivo dominio religioso.

Ex capo della magistratura intransigente con un brutale passato in materia di diritti umani, Raisi è destinato a essere eletto presidente nel 2021, un referendum fortemente modellato dall’élite politica della Repubblica islamica in cui si candiderà praticamente senza opposizione.

Mentre è presidente, i suoi poteri sono sminuiti rispetto a quelli del leader supremo Ali Khamenei, che è l’arbitro finale degli affari interni ed esteri della Repubblica islamica.

READ  LeBron James parla del futuro dell'NBA e dei Lakers sui social media - NBC Los Angeles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *