Il Boeing Starliner è stato demolito pochi minuti prima del decollo

Il primo tentativo della Boeing di far volare la navetta spaziale Starliner con gli astronauti è stato demolito sabato meno di quattro minuti prima del decollo. Il ritardo è stato richiesto da un sistema informatico automatizzato che rileva le code dei voli negli ultimi minuti del conto alla rovescia.

La NASA ha detto sabato pomeriggio che avrebbe posticipato il lancio alla prossima settimana, al più presto mercoledì o giovedì, per avere più tempo per valutare il problema con il sistema. In precedenza aveva detto che avrebbe provato a iniziare domenica.

Poco dopo l’abbandono della missione, sabato, l’amministratore delegato dell’ULA Tory Bruno ha affermato che uno dei tre sistemi informatici che orchestrano la sequenza di lancio negli ultimi minuti del conto alla rovescia, ad esempio rilasciando i morsetti che tengono fermo il razzo, è arrivato lentamente. in linea. Di conseguenza, il sistema automatizzato ha terminato il conto alla rovescia. ULA è una joint venture tra Boeing e Lockheed Martin.

Boeing è ansiosa di far decollare la missione. Manderà gli astronauti della NASA Sunitha Williams e Butch Willmore sulla Stazione Spaziale Internazionale per circa una settimana per testare come si comporta la navicella spaziale con gli esseri umani.

“So che è un po’ deludente”, ha detto Steve Stich, capo del programma Commercial Group della NASA, del ritardo. “Eravamo tutti emozionati, Butch e Suni erano entusiasti di volare. È una specie di volo spaziale… ogni volta che vai all’imbarco per un volo con equipaggio, o in realtà qualsiasi volo, hai l’opportunità di strofinarti.

Ha aggiunto: “Oggi puoi vedere quanto siamo vicini. Abbiamo questa capacità pronta. Eravamo a tre minuti e cinquanta secondi di distanza e una navetta Starliner era pronta a partire.

READ  Mars Express scopre i misteriosi "ragni" marziani

Dato che la navicella spaziale non ha mai volato con persone, i team della NASA e della Boeing hanno ripetutamente affermato che dovrebbero procedere con cautela e non tentare di effettuare la missione finché non pensano di poterlo fare in sicurezza.

La prova di volo era originariamente prevista per il 6 maggio con l’equipaggio a bordo. Ma il volo venne ritardato a causa del malfunzionamento di una valvola nel secondo stadio del razzo. Da allora la valvola è stata sostituita e sabato funzionava bene, hanno detto i funzionari.

Il lancio faceva parte del “Commercial Crew Program” della NASA, che ha esternalizzato il trasporto verso la stazione spaziale a Boeing e SpaceX.

SpaceX domina la produzione commerciale di razzi e veicoli spaziali; È stato il primo a far volare gli astronauti, completando la sua prima missione di prova con equipaggio nel maggio 2020. Quel volo fu un grande colpo per la NASA, poiché portò il suo equipaggio ad andare nello spazio. Nel 2011, lo Space Shuttle è stato ritirato, costringendo la NASA a fare affidamento sulla Russia per portare le persone sulla stazione fino a quando SpaceX non ha iniziato a volare.

Lo Starliner della Boeing ha dovuto affrontare battute d’arresto e ritardi. Come previsto, è stato necessario effettuare due voli di prova senza equipaggio a bordo. Innanzitutto, alla fine del 2019, il computer interno del razzo si è spento per 11 ore, impedendo alla navicella di raggiungere la stazione. Il tentativo successivo, nel 2022, raggiunse la stazione spaziale. Tuttavia, la società scoprì in seguito che il nastro utilizzato per coprire il cablaggio elettrico nella capsula era infiammabile e che i suoi paracadute dovevano essere aggiornati.

READ  Israele ha dichiarato una “pausa” nel sud della Striscia di Gaza e ha consentito gli aiuti ma non ha abbandonato l'offensiva di Rafah

Nel periodo precedente al volo di sabato, i funzionari della Boeing e della NASA hanno espresso ottimismo, affermando di aver fatto tutto il possibile per garantire che la missione fosse un successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *