La Corte di giustizia europea ha ritenuto che la Svizzera abbia violato i diritti umani in uno storico caso sul clima intentato da 2.000 donne.

Christian Hartmann/Reuters

Anne Mahrer e Rosemarie Wieder-Waldi di Senior Women for Climate Protection dopo la loro vittoria alla Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo, in Francia, il 9 aprile 2024.



CNN

Martedì la Corte internazionale di giustizia francese ha emesso la sentenza svizzera Incapacità di affrontare adeguatamente la crisi climatica È stata una violazione dei diritti umani, in un’importante sentenza sul clima che potrebbe avere un effetto a catena in tutto il mondo.

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) di Strasburgo, in Francia, si è pronunciata su un caso portato Più di 2000 donne svizzere, la maggior parte dei quali hanno più di 70 anni, sono contrari al governo svizzero. Le ondate di calore causate dai cambiamenti climatici stanno minando la loro salute e la qualità della vita e mettendoli a rischio di morte.

La corte ha stabilito che il governo svizzero ha violato i diritti umani di alcune donne non riuscendo a raggiungere gli obiettivi climatici passati e “lacune significative” nella legislazione nazionale per ridurre le emissioni che contribuiscono al riscaldamento del pianeta.

Era una somma La Corte ha affermato in una dichiarazione che ciò viola il diritto delle donne a una protezione effettiva “dai gravi effetti negativi dei cambiamenti climatici sulla vita, sulla salute, sul benessere e sulla qualità della vita”.

Questa è la prima volta che la Corte si pronuncia su casi legati al clima. Non è previsto alcun diritto di appello e la sentenza è giuridicamente vincolante.

Gli esperti dicono il verdetto della corte Potrebbe rafforzare altri casi climatici basati sui diritti umani pendenti dinanzi ai tribunali internazionali e aprire le porte a molti altri casi simili da avviare in futuro.

READ  Dong Jun: la Cina licenzia senza spiegazioni il suo predecessore ministro della Difesa e nomina un nuovo ministro della Difesa

“Le sentenze odierne contro la Svizzera costituiscono un precedente storico che si applica a tutti i paesi europei”, ha dichiarato in una nota Jerry Liston, avvocato del Global Legal Action Network, che ha sostenuto il caso del Portogallo. “Tutti i paesi europei devono rivedere urgentemente i propri obiettivi in ​​modo che siano basati sulla scienza e allineati a 1,5 gradi. Questa è una grande vittoria per tutte le generazioni.

La sentenza potrebbe costringere la Svizzera a ridurre ancora più rapidamente il consumo di combustibili fossili. I combustibili fossili sono il principale motore del cambiamento climatico causato dall’uomo.

Vesselina Newman, dell'organizzazione di avvocati ambientalisti ClientEarth, ha affermato: “Questa decisione di uno dei tribunali più alti del mondo invia un messaggio chiaro: i governi devono intraprendere azioni concrete sulle emissioni per proteggere i diritti umani dei loro cittadini”.

La corte si è pronunciata su altri due ricorsi presentati da un sindaco contro il governo francese e su un terzo, Enorme e di alto profiloDi sei giovani in Portogallo contro 32 nazioni europee. Entrambe le pretese sono state dichiarate “irricevibili”.

Jean-Francois Badias/AP

L’attivista svedese per il clima Greta Thunberg, seconda a sinistra, si unisce ai giovani portoghesi durante una manifestazione davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo, in Francia, martedì.

La richiesta francese è stata respinta perché il ricorrente aveva lasciato il paese Non più associato alla regione su cui si concentrava il suo caso su, e pertanto non si qualifica come “vittima” ai fini del contenzioso.

La corte ha respinto il caso portoghese sulla base del fatto che i ricorrenti non avevano esaurito tutti i mezzi di ricorso dinanzi ai tribunali nazionali. Il primo è l'impostazione. Ha inoltre stabilito che non vi erano basi per estendere la richiesta a paesi al di fuori del Portogallo.

READ  Finale della stagione 11 di The Masked Singer: svelati il ​​vincitore e il secondo classificato

Catarina dos Santos Mota, una delle ricorrenti in quel caso, ha detto che la sentenza è stata comunque una vittoria anche se il verdetto non è andato a buon fine. “Non abbiamo rotto il muro, ma abbiamo creato una grande crepa”, ha detto. “Vorrei che la vittoria contro la Svizzera fosse usata contro tutti i paesi europei e i tribunali nazionali”.

Con l’aggravarsi della crisi climatica, le azioni legali sul clima sono diventate uno strumento sempre più popolare per cercare di costringere governi e aziende a intensificare la loro azione sul clima, in particolare Il mondo è sempre più distratto Nel ridurre le emissioni abbastanza velocemente da evitare un riscaldamento catastrofico.

La sentenza di martedì a favore delle donne svizzere “costituisce un precedente da seguire per altri tribunali internazionali”, ha detto Liston alla CNN.

Sia la Corte internazionale di giustizia che la Corte dei diritti umani degli Stati Uniti hanno casi pendenti riguardanti le implicazioni dei cambiamenti climatici sui diritti umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *