Trump co-cospiratore nel complotto per frode elettorale: investigatore del Michigan

Lansing – I pubblici ministeri del Michigan ritengono che l'ex presidente Donald Trump e alcuni dei suoi principali collaboratori abbiano cospirato in una cospirazione per presentare falsi certificati affermando di aver vinto le elezioni del Michigan del 2020, ha testimoniato mercoledì in tribunale un investigatore dell'ufficio del procuratore generale Dana Nessel.

L'agente speciale di Nessel, Howard Schock, ha detto Trump; Mark Meadows, che era il capo dello staff di Trump; e Rudy Giuliani, che era il suo avvocato personale, sono “co-cospiratori non incriminati” nel caso di frode elettorale del Michigan. In totale, negli ultimi due giorni, Shack ha identificato 11 cospiratori che non sono stati accusati. Cioè, quando il democratico Joe Biden vinse 16 voti elettorali nel Michigan, i pubblici ministeri credono che abbiano partecipato a un piano fraudolento per creare un documento falso in cui si affermava che Trump aveva vinto.

La testimonianza shock è arrivata quando l'ufficio di Nessel ha presentato denuncia al tribunale distrettuale della contea di Ingham contro un gruppo di attivisti repubblicani che hanno firmato schede elettorali sostenendo che Trump aveva vinto, al sesto giorno delle primarie.

A luglio, Nessel, un democratico, ha incriminato 16 elettori repubblicani per otto capi d'accusa ciascuno, inclusa l'associazione a delinquere per commettere frode, che comporta una pena massima di 14 anni di carcere. Ma l'ufficio di Nessel ha detto che le sue indagini sono in corso.

Mercoledì mattina, l'avvocato Duane Silverthorne, a nome dell'elettore Michael Lundgren di Detroit, ha letto un elenco di nomi e ha chiesto se le persone coinvolte nel processo fossero cospiratori non accusati.

Trump ha detto un “sì” scioccante a Giuliani e Meadows. Trump è in corsa per la nomina presidenziale repubblicana questo autunno.

Shock ha anche detto “sì” ai nomi dell'ex presidente del Partito repubblicano del Michigan Laura Cox e dell'ex presidente della Camera statale Tom Leonard, di sua moglie Jenelle Leonard e del consulente legale di Cox e di altri repubblicani del Michigan, tra cui Stu Chandler. Silverthorne non ha chiesto a Schock ulteriori dettagli sul presunto coinvolgimento dei cospiratori.

READ  Purdue 80-68 Gonzaga (29 marzo 2024) Riepilogo partita

Chandler ha definito i commenti di Schock “eccessivi”.

“Rimango fedele alla migliore consulenza legale che mi sia mai stata data, e queste cause legali discriminatorie dovrebbero finire”, ha detto Chandler. “Perché solo i repubblicani sono stati l'obiettivo costante di queste cause legali partigiane nei cinque anni di Dana Nessel?”

Non è chiaro cosa abbia fatto Tom Leonard, che ha corso contro Nessell nel 2018 per la carica di procuratore generale. Jenelle Leonard era la presidentessa del 2020 del Partito repubblicano della contea di Clinton e uno degli elettori del GOP, James Renner di Lansing, aveva precedentemente testimoniato di averla contattata il 14 dicembre 2020, durante la riunione in cui è stato firmato il certificato.

“Sono stato informato che il mio nome è stato presentato in pubblica udienza in modo falso e diffamatorio”, ha detto mercoledì Tom Leonard. “Mi aspetto che il procuratore generale agisca rapidamente per correggere qualsiasi prova che sia stata deliberatamente fuorviante o errata, come una cosa ovvia.”

L'avvocato Giuliani condanna l'affermazione

Martedì, Schock ha anche descritto Mike Roman, il direttore delle operazioni del giorno delle elezioni di Trump, come un cospiratore non incriminato.

“Ci sono altri cospiratori che non sono stati accusati?” ha chiesto Silverthorne mercoledì. “Vado a leggere la tua lista di nomi.”

“L'ex presidente Trump?” chiese Silverthorne.

“Sì”, rispose Shock.

Mercoledì un portavoce della campagna di Trump non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Anche i co-cospiratori Jenna Ellis e Kenneth Chesbrough, due avvocati che hanno lavorato con la campagna di Trump nelle settimane successive alle elezioni presidenziali del 3 novembre 2020, non sono stati incriminati, ha detto Shock mercoledì. Chris VelascoHa lavorato per la campagna di Trump nel Michigan.

Lo scopo dello sforzo degli elettori è quello di rafforzare le affermazioni di Biden secondo cui le elezioni sono “truccate” e, in definitiva, “distorte”, ha detto Chesbro, che ha contribuito a sviluppare il programma elettorale. 1° gennaio 2021, Boris ha inviato un'e-mail a Epstein. , uno dei principali consiglieri di Trump.

Ellis è apparso con Giuliani a Lansing il 2 dicembre 2020, davanti a un comitato di sorveglianza della Camera del Michigan che ha ascoltato accuse infondate di frode elettorale. Durante l'incontro, Giuliani ha esortato i legislatori del Michigan a intervenire sui risultati elettorali.

READ  Le azioni di GameStop tornano a salire con il ritorno del fenomeno dei meme-stock

“La continua arma del nostro sistema giudiziario riguarda tutti gli abitanti del Michigan e gli americani”, ha affermato Ted Goodman, consigliere politico di Giuliani.

“È un peccato vedere i cosiddetti 'leader' disposti a buttare fuori il nostro intero sistema giudiziario nel tentativo di abbattere il presidente Donald Trump e chiunque altro voglia subentrare”, ha detto Goodman.

L'esito del processo è stato ritardato

Mercoledì si sono concluse le primarie per sei candidati repubblicani. Attraverso il procedimento, il giudice distrettuale della contea di Ingham Kristen Simmons determinerà infine se l'ufficio di Nessel ha presentato prove sufficienti. Causa possibile Convinzione che siano stati commessi crimini e che gli imputati debbano essere rinviati a giudizio.

Ma la decisione non arriverà finché non si concluderanno altre nove primarie elettorali del GOP all’inizio di giugno. Le udienze in tribunale inizieranno il 28 maggio.

Cox, che ha presieduto il GOP del Michigan durante le elezioni del 2020, ha testimoniato al primo turno delle elezioni di dicembre. Cox ha affermato di essere preoccupata per la certificazione firmata dai repubblicani il 14 dicembre 2020.

Cox ha dichiarato il 14 dicembre 2020: “All'epoca non erano elettori… secondo me.

Cox, ex parlamentare statale della Livonia, ha detto che vuole che i repubblicani utilizzino un documento diverso che affermi che sono “preparati a soddisfare le elezioni presidenziali e a fare il loro dovere” invece di dare a Trump i loro voti elettorali nel Michigan.

Ulteriore: In tribunale, i repubblicani del Michigan stanno collegando il tentativo fallito degli elettori alla campagna di Donald Trump

dicembre Il 14 ottobre 2020, quando si sono riuniti presso la sede del GOP del Michigan, alcuni avvocati hanno sostenuto che i loro clienti non capivano cosa stavano firmando. Sostenevano anche che i consulenti della campagna di Trump avessero orchestrato la falsa certificazione.

Durante un'udienza a febbraio, il vice procuratore generale Kahla Grino ha descritto il tentativo di presentare falsi certificati secondo cui Trump aveva vinto le elezioni presidenziali del 2020 come una “cospirazione criminale multistato pienamente collegata” alla campagna di Trump.

READ  Molti sistemi sanitari rivendicano i bisogni - NBC Chicago

Le e-mail interne della campagna di Trump ottenute dagli investigatori e precedentemente esaminate da The Detroit News mostrano che lo staff della campagna di Trump ha contribuito a coordinare una manifestazione repubblicana il 14 dicembre 2020, quando gli elettori hanno firmato la certificazione.

Successivamente, qualcuno ha presentato un certificato falso al Senato degli Stati Uniti e agli Archivi nazionali. Nonostante Biden abbia ricevuto i 16 voti elettorali del Michigan, la sua vittoria è stata certificata dallo State Board of Canvassers.

Ulteriore: La campagna di Trump ha indirizzato il Michigan a presentare un falso documento di identità elettorale, mostrano le e-mail

Trump e la sua campagna hanno già criticato le accuse di illeciti dopo le elezioni presidenziali del 2020.

“Trump ha fatto il suo dovere di presidente di indagare sulle elezioni presidenziali del 2020 truccate e rubate”, ha detto il portavoce della campagna di Trump Steven Cheung in una dichiarazione del 4 gennaio.

Trump sta già affrontando accuse relative agli sforzi per sovvertire le elezioni presidenziali del 2020 a livello federale, portate dal consigliere speciale Jack Smith e dal procuratore distrettuale della contea di Fulton Fannie Willis in Georgia.

Gli avvocati difensori non hanno chiamato testimoni come parte degli esami preliminari per gli elettori del Michigan. Quattro degli altri imputati elettorali sono Meshawn Maddock di Milford, ex co-presidente del GOP del Michigan; John Haggard di Charlevoix; Amy Facinello del Grand Blanc; e Marie-Ann Henry di Brighton.

L'elettore George Donini, che rappresenta Cathy Berton di Snower, ha affermato di ritenere che gli avvocati della difesa abbiano fatto tutto il possibile per sostenere che “stava succedendo qualcosa tra il 14 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021”, quando si riunirà il Congresso. Per certificare i risultati.

“Non importava che alla fine ciò non accadesse”, ha detto Donini. “Potrebbe essere successo. Potrebbe essere successo qualcosa. Questo è ciò che è straordinario.”

[email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *