Un quarto corpo è stato recuperato durante le operazioni di salvataggio sul luogo del crollo del Key Bridge

BALTIMORA – Un quarto corpo è stato recuperato domenica dall'interno di un veicolo sommerso nel luogo del crollo di un ponte, secondo il Comando unificato.

Su richiesta della famiglia la vittima non è stata identificata.


Uno dei veicoli da cantiere scomparsi Era nel fiume e una persona era intrappolata all'interno.

Il mercantile Daly colpì il ponte levatoio intorno all'1:30 del 26 marzo, gettando otto operai edili nel fiume Patapsco. Stavano riparando le buche sul ponte.

Sono stati salvati due operai edili e ora sono state salvate quattro persone. Altri due sono ancora dispersi e presumibilmente morti.

“Il Maryland continua a pregare per le famiglie e i propri cari colpiti da questa tragedia. Hanno i nostri pensieri, il nostro cuore e il nostro sostegno”, ha affermato il governatore del Maryland Wes Moore. “Ci auguriamo che tutti rispettino la richiesta di privacy della famiglia in questo momento difficile. Mentre continuiamo a recuperare la vita di coloro che sono morti, non dobbiamo mai dimenticare loro, i loro cari e la loro dedizione a una professione che ha migliorato la vita di così tante persone”. molti Maryland in tutto lo stato.”

Gli equipaggi hanno recuperato i corpi di Maynor Yasir Suazo-Sandoval, 35 anni, Alejandro Hernandez Fuentes, 35 anni, e Dorlian Castillo Cabrera, 26 anni.

“I nostri cuori continuano a spezzarsi per i cari di queste vittime”, ha detto il sindaco di Baltimora Brandon Scott. “Tutta la nostra città è con loro, unendosi a loro nel dolore e nella guarigione ora che un'altra persona cara è stata riportata a casa. Per coloro che ancora aspettano, ci uniamo a loro nella speranza e nel dolore che presto riceveranno la stessa chiusura. Come ho detto nel primo minuto, faremo tutto il possibile per sostenere queste famiglie e fornire loro tutto ciò di cui hanno bisogno durante questa tragedia inimmaginabile.

Un'enorme gru solleva i detriti del Key Bridge fino a Sparrows Point

WJZ ha dato uno sguardo da vicino all'operazione di salvataggio lunedì a Sparrows Point, dove pezzi del Key Bridge vengono trascinati via per la rimozione.

READ  Finale della stagione 11 di The Masked Singer: svelati il ​​vincitore e il secondo classificato

Il più grande finora pesa più di 400 tonnellate.

IL Enorme gru Chesapeake 1.000 I passeri hanno alzato il livello nel fine settimana.

“Questo è il nostro cantiere di lavorazione dove tutto il materiale rimosso dal fiume viene trasportato tramite chiatte e gru. Quando è stato portato qui ieri, era alto 90 piedi e ha dovuto essere tagliato a metà”, ha affermato James Harkness, capo ingegnere presso la Maryland Transportation Authority.

Riduce al minimo le dimensioni del ponte dei tasti

I saldatori tagliano ancora i pezzi a dimensioni gestibili. Gli equipaggi utilizzano anche cesoie idrauliche.

Gli intervistati hanno affermato che viene fatto ogni sforzo per riciclare l'acciaio.

In caso di un tale disastro, il governo deve avere un soccorritore designato per ogni grande nave, inclusa la Daly. In questo caso, l'incarico è stato affidato a Resolve Marine.

“Non appena è successo, ci siamo attivati ​​e abbiamo avuto persone sulla scena nel giro di poche ore”, ha affermato Joseph Farrell, CEO di Resolve Marine.

Qual è il danno di Dalì?

L'amministratore delegato di Resolve Marine Joseph Farrell ha detto che quando il ponte chiave è crollato sulla Daly, ha reciso la prua della nave.

“Quando il ponte è crollato, ha reciso abbastanza bene la prua, la parte anteriore della nave, quindi molti sistemi sono stati tagliati. Il cablaggio dell'elica di prua è stato tagliato”, ha detto Ferrell.

Farrell ha detto che Daly ora ha il potere.

La sua squadra sta cercando di far funzionare di nuovo la fisarmonica ad arco. Rende la nave facile da usare rimuovendo abbastanza container per far uscire la nave da lì.

Farrell ha detto che sono stati rimossi 40 container e crede che sarà sufficiente per far scendere dalla nave un totale di 140 container.

Ha detto che il lavoro non interferirà con le indagini dell'FBI e dell'NTSP e ha attribuito al comando unificato il merito di tenere tutto in ordine.

READ  Jim Harbaugh mirava a "molti, molti campionati" con i Chargers

“C'è molta chiarezza su dove sia il nostro ruolo e lavoriamo con ciascuna azienda. Ciò consente a tutti di inserirsi e di non pestarsi i piedi a vicenda”, ha affermato.

“C'è molta spazzatura là fuori e dall'altra parte c'è cemento.”

I subacquei sono in acqua ogni giorno e la visibilità nel fangoso Patapsco è spesso prossima allo zero.

“Ci sono molti detriti là fuori. Dall'altra parte. C'è cemento. Per la prima immersione, non sappiamo quali siano i pericoli, quindi dobbiamo essere molto metodici e lenti. Abbiamo qualcosa chiamato cordone ombelicale, che alimenta il casco del subacqueo con l'aria subacquea”, ha detto Robin con Donjon Marine. Ha detto Bianchi.

Ha detto a WJZ che i subacquei sono consapevoli che molte vittime devono ancora essere recuperate.

Dopo la nostra intervista, gli operatori hanno salvato un'altra vittima dall'acqua.

Bianchi ha descritto come un sub del suo gruppo ha trovato una delle vittime.

“Abbiamo tirato fuori il sub dall'acqua. Stava bene ed era calmo”, ha detto Bianchi. “Sapevamo dov'era. Abbiamo chiamato la Polizia di Stato del Maryland. Sono usciti. Si sono tuffati. Hanno recuperato il corpo e sono riusciti a tenere lontani i nostri subacquei da quel trauma.”

Le due vittime devono ancora essere identificate. L'ultima è stata scoperta domenica.

Le autorità hanno detto che è rimasto intrappolato da un veicolo da cantiere. È stato identificato positivamente, ma la sua identità non è stata resa pubblica su richiesta della famiglia.

“Mentre piangiamo la perdita di vite umane e continuiamo gli sforzi di recupero, riconosciamo che ogni persona scomparsa è una persona cara o un membro della famiglia”, ha affermato il sovrintendente della polizia di stato del Maryland, colonnello Roland L. Butler, Jr. ha detto. Ci impegniamo a che i nostri rispettivi partner delle forze dell'ordine affronteranno gli aspetti fisici e tecnici della loro formazione utilizzando ogni risorsa disponibile.”

Il carico è stato scaricato al Tradepoint Atlantic

Vicino a Tradepoint Atlantic – l'unico posto dove le grandi navi attualmente attraccano vicino al porto di Baltimora – lunedì venivano scaricate merci, tra cui diverse auto nuove. E questo mantiene i posti di lavoro a Baltimora.

READ  Il Pentagono afferma che i droni hanno sparato contro le navi da crociera del Mar Rosso in risposta all'attacco missilistico Houthi

“Siamo effettivamente in grado di assicurarci che questo carico sia a Baltimora perché ci sono altri porti interessati ad aiutare, ma il carico potrebbe essere destinato a un altro porto per sempre, quindi siamo grati di poter aiutare con alcune delle carico dirottato”, ha affermato Christine King di TradePoint Atlantic.

Baltimora City al proprietario di Sue Freighter

La città di Baltimora sta intraprendendo un'azione legale L'FBI contro le aziende ritenute responsabili del crollo fatale del Francis Scott Key Bridge ha aperto un'indagine nel disastro.

Lunedì, il sindaco di Baltimora Brandon Scott ha annunciato che la città ha collaborato con due studi legali investigativi di alto profilo per intraprendere un'azione legale contro i responsabili della tragedia, tra cui il proprietario della nave, il noleggiatore, l'operatore, il produttore e altre parti.

Il sindaco ha affermato che lo sforzo mira a mitigare l'impatto immediato e a lungo termine sui residenti di Baltimora, come le famiglie delle vittime, i lavoratori del porto di Baltimora e coloro che utilizzano il ponte ogni giorno. Non è chiaro quanti danni stia chiedendo la città.

“Stiamo facendo tutto il possibile per sostenere tutte le persone colpite qui e continueremo a riconoscere l'impatto umano che questo evento ha avuto”, ha affermato il sindaco in una nota. “Parte di questo lavoro è ottenere aiuto dalle persone che potrebbero essere responsabili e dal proprietario della nave. Presentare istanza per ridurre la propria responsabilità Alcuni giorni dopo l’incidente, dobbiamo agire altrettanto rapidamente per proteggere gli interessi della città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *